L’alfabeto non decodificato di Giuseppe Gabellone. A Roma

Fondazione Memmo, Roma – fino al 15 ottobre 2017. Le scuderie del cinquecentesco Palazzo Ruspoli ospitano la prima personale a Roma dell’artista brindisino, da anni di stanza a Parigi. Opere inedite, scelte dal curatore Francesco Stocchi, in un ipotetico dialogo con quelle esposte, in contemporanea, da greengrassi a Londra.

Giuseppe Gabellone, Untitled (Orange), 2017, photo Silvia Iessi
Giuseppe Gabellone, Untitled (Orange), 2017, photo Silvia Iessi

Metabolizzata l’eredità dell’Arte Povera degli esordi e archiviate le più recenti sperimentazioni di wall painting, Giuseppe Gabellone (Brindisi, 1973) realizza una breve esperienza di installazioni site specific, scarna e asettica, dove la collocazione delle opere impone un abbassamento dello sguardo, fino al radicale sovvertimento delle prospettive ordinarie, nell’ambito di una riflessione sul tempo e sul deterioramento della materia.
Dalla scultura in stagno a forma di mandibola della prima sala, stridente sul pavimento in travertino, passando per le forme di carta stratificate e adagiate su incerti bambù (Untitled Black, Untitled Orange, 2017), il memento mori trova il suo apice nella coppia di cipressi sospesa e distesa, inerme, quasi prigioniera di un reticolo di spago, incapace di trattenerne i detriti (Untitled, 2017), i quali diventano, a loro volta, appendice consapevole dell’opera.
Un percorso, dunque, forse eccessivamente sintetico e mentale, che non manca, tuttavia, di suscitare suggestioni e rinvii; non ultimo, quello sull’antitesi artificiale/naturale, enfatizzata dall’incontro tra la luce esterna del patio e la luminosità fredda e asettica degli interni.

Fabio Massimo Pellicano

Evento correlato
Nome eventoGiuseppe Gabellone
Vernissage04/05/2017 ore 18,30
Duratadal 04/05/2017 al 15/10/2017
AutoreGiuseppe Gabellone
CuratoreFrancesco Stocchi
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoFONDAZIONE MEMMO ARTE CONTEMPORANEA – SCUDERIE DI PALAZZO RUSPOLI
IndirizzoVia di Fontanella Borghese 56/b 00186 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Fabio Massimo Pellicano
Fabio Massimo Pellicano (Roma, 1984). Pittore da sempre, o quasi. Avvocato da circa metà decade, ovvero la metà del tempo da cui scrivo come pubblicista. Arte, antiquariato, diritto: se inverti l’ordine delle parole il risultato non muta. Ho collaborato con l’agenzia di stampa DIRE, scrivo per riviste specializzate di diritto pubblico (Giustamm.it) e di arte per la Gazzetta Regionale.