L’aria e l’acqua della pittura. Lucia Lamberti a Ferrara

Galleria FabulaFineArt, Ferrara – fino al 31 maggio 2017. Piccola ma elegante retrospettiva di Lucia Lamberti. Con un palinsesto di opere che indagano l’aria e l’acqua.

Lucia Lamberti. Sulle arie, sulle acque, sui luoghi. Exhibition view at Galleria FabulaFineArt, Ferrara 2017
Lucia Lamberti. Sulle arie, sulle acque, sui luoghi. Exhibition view at Galleria FabulaFineArt, Ferrara 2017

Quasi a disegnare una piccola retrospettiva o un vivace assortimento di opere che toccano tematiche esplorate ormai da un decennio, la nuova personale di Lucia Lamberti (Salerno, 1973), organizzata negli spazi della Galleria FabulaFineArt di Ferrara e curata da Maria Letizia Paiato, è uno spaccato di storia, di incontri e di riflessioni sul corpo della pittura.
Sulle arie, sulle acque, sui luoghi presenta infatti un fitto percorso narrativo in cui è possibile attraversare alcuni cicli come Luftschiffe, Koenigsberg, Landscape paintings e Organic landscape, “cui si aggiunge per questa mostra un inedito lavoro sulle Isole Svalbard, per la prima volta esposte tutte assieme”.
Delicate, morbide e acute, le opere in mostra sono segnate da velature, da acrobatiche sperimentazioni, da una piacevole e luminosa “successione di avvenimenti concatenati nel tempo fittizio” di una poetica – Lamberti scrive con i colori della memoria – che “compone e trasforma la storia in sequenze pittoriche”, come sottolinea la curatrice.

Antonello Tolve

Evento correlato
Nome eventoLucia Lamberti - Sulle arie sulle acque sui luoghi
Vernissage22/04/2017 ore 18
Duratadal 22/04/2017 al 31/05/2017
AutoreLucia Lamberti
CuratoreMaria Letizia Paiato
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA FABULA FINE ART
IndirizzoVia Del Podestà 11 – 44121 - Ferrara - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Antonello Tolve
Antonello Tolve (Melfi, 1977) è titolare di Pedagogia e Didattica dell’Arte all’Accademia Albertina di Torino. Ph.D in Metodi e metodologie della ricerca archeologica e storico artistica (Università di Salerno), è stato visiting professor in diverse università come la Mimar Sinan Güzel Sanatlar Üniversitesi, la Beǐjin̄g Yuy̌ań Daxué, l’Universitatea de Arta si Design de Cluj-Napoca e la Universidad Central de Venezuela. Critico d’arte e curatore, è stato commissario in diverse giurie internazionali. Tra i suoi libri si ricordano “Gillo Dorfles. Arte e critica d’arte nel secondo Novecento” (La Città del Sole, 2011), “ABOrigine. L’arte della critica d’arte” (PostmediaBooks, 2012), “Ubiquità. Arte e critica d’arte nell’epoca del policentrismo planetario” (Quodlibet, 2013), “La linea socratica dell’arte contemporanea. Antropologia Pedagogia Creatività” (Quodlibet, 2016), “Istruzione e catastrofe. pedagogia e didattica dell’arte nell’epoca dell’analfabetismo strumentale” (Kappabit, 2019), “Me, myself and I. Arte e vetrinizzazione sociale ovvero il mondo magico del selfie” (Castelvecchi, 2019), “Atmosfera. Atteggiamenti climatici nell’arte d’oggi” (Mimesis, 2019). Ha curato con Stefania Zuliani il volume di Filiberto Menna, “Cronache dagli anni settanta. Arte e critica d'arte 1970-1980” (Quodlibet, 2017) e, con S. Brunetti, “Il sistema degli artisti. Collezione, conservazione, cura e didattica nella pratica artistica contemporanea” (Mimesis, 2019). Dal 2018 e Direttore della sede romana della Fondazione Filiberto e Bianca Menna e dal 2014 è curatore della Gaba.Mc – Galleria dell’Accademia di Belle Arti di Macerata.