Irruzione adamitica al Met di New York durante il gala per Rei Kawakubo. Arrestato l’artista

Serata di gala a dir poco esclusiva, con carovane di abiti griffatissimi, divi e dive, celebrità d’ogni sorta. Al Metropolitan si festeggiava la stilista rivoluzionaria di Comme des Garçons. E un ospite indesiderato è riuscito a fare irruzione…

Fyodor Pavlov-Andreevich, irruzione al Met di Nyc

Evento ambitissimo nell’Olimpo dei vip internazionali, il gala annuale di beneficenza del Metropolitan Museum di New York ha calamitato lo scorso 1 maggio un nutrito parterre di personaggi del mondo dell’arte, dello spettacolo, della moda. Mondanità all’ennesima potenza, stavolta nel nome di una designer-artista tra le più iconiche e radicali degli ultimi 40 anni. Il Met celebra con una grande mostra di taglio storico la madre del brand Comme des Garçons, pioniera di quella scuola giapponese che all’inizio degli Anni Ottanta rivoluzionò la moda europea e occidentale: Rei Kawakubo, regina di New York per una notte, è stata omaggiata dallo star system e raccontata con 150 abiti (o meglio ‘sculture sartoriali’) suddivisi in otto stanze a tema.
E tra buon gusto, stravaganze e le solite cadute di stile, decine di outfit hanno sfilato nel corso della serata organizzata dalla boss di Vogue Anna Wintour: dall’exploit (piuttosto brutto) di tulle e chiffon rosso lacca, con fiocchi, nastri e applicazioni varie, firmato da Maison Margiela e indossato da Katy Perry (che per le mise eccessive ha una predilezione), a Rihanna che con coraggio ha sfoggiato proprio una creazione Kawakubo costruita per ritagli, accumulazioni plastiche e bouquet di tessuto.

Rihanna veste Kawakubo al Met di Nyc
Rihanna veste Kawakubo al Met di Nyc- Ph. hausofrihanna.com

UN MINUTO DI OSCENITÀ NEL TEMPIO DELLE CELEBRITIES

Ma a interrompere l’idillio di divi e dive, cocktail e griffe è stata una strana comparsa. Fra i tanti sprovvisti d’invito che hanno provato a imbucarsi l’ha spuntata con un metodo decisamente originale Fyodor Pavlov-Andreevich, performer di Mosca in linea con certa estetica russa spiazzante e provocatoria. Ed eccolo fare il suo ingresso al party:  due uomini scaricano da un’auto una grossa scatola di plexiglass sigillata, proprio all’entrata della festa. La trasportano per qualche metro, la poggiano sul red carpet  e la lasciano lì per qualche secondo, dinanzi agli ospiti sbigottiti. All’interno, raggomitolato come un feto, c’è lui, l’artista. Completamente nudo. La performance dura poco, giusto il tempo di permettere alla sicurezza d’intervenire: coperto con un telo bianco, per sottrarre allo sguardo dei presenti la sconcia visione, lo hanno trascinato fuori nell’imbarazzo generale. Secondo il New York Daily News Pavlov-Andreevich è stato arrestato e rilasciato poco dopo, ma dovrà rispondere di alcune accuse, tra le quali disturbo della quiete pubblica e atti osceni.

Quale sia il senso dell’azione – a parte il disturbo alle celebrities, in un tempio del più potente mainstream culturale – non è chiarissimo, ma non si trattava di un gesto confezionato ad hoc. L’opera, dal titolo Fondling, è già stata riprodotta in contesti simili a partire dal 2015. Il debutto fu a Venezia, nei giorni dell’opening della Biennale di Enwezor, durante un evento alla Fondazione Pinault. Da allora l’identico format ha creato un po’ di scompiglio al Museo Garage di Mosca, nelle sede londinese di Christie’s e nel 2016 alla Biennale São Paulo.

– Helga Marsala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d'arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è stata anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatorice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.