Nuovo Sculpture Park in Bangladesh. La prima opera (monumentale e collettiva) è di Pawel Althamer

Una fondazione bengalese lancia un parco di scultura a Sylhet. Con opere di artisti contemporanei. Il primo intervento è del noto artista polacco Pawel Althamer, a cui è cara la dimensione sociale dell’arte.

Pawel Althamer, Rokeya, 2017 - Samdani Art Centre and Sculpture Park, Sylhet, Bangladesh
Pawel Althamer, Rokeya, 2017 - Samdani Art Centre and Sculpture Park, Sylhet, Bangladesh

Fare comunità, attraverso l’arte. E muoversi nel perimetro del sociale, senza dimenticare la forma, l’oggetto, il discorso intorno allo spazio, alla fruizione, all’attraversamento e alla contemplazione. Pawel Althamer (Varsavia, 1967) porta avanti una ricerca affascinante, in cui le arti visive diventano occasione di partecipazione e di costruzione di un legame: tra le persone, i luoghi, i segni, le visioni.
L’ultima grande impresa lo ha visto in azione in Bangladesh, dove ha appena terminato un lavoro su commissione per il nuovo  parco di scultura della città di Sylhet, il Samdani Art Centre and Sculpture Park, progettato in un’area rurale del distretto del tè, tra le immense piantagioni e i centri di produzione ed esportazione, fulcri dell’economia bengalese. Nel corso di un workshop di 7 giorni l’artista ha edificato qui una gigantesca figura femminile, affiancato da quattro suoi concittadini, 100 abitanti del villaggio, diversi bambini e infine i pazienti di un locale centro di riabilitazione per tossicodipendenti.
Dietro al museo en plein air c’è la Samdani Art Foundation, che per l’occasione ha coinvolto anche
Sebastian Cichocki, Chief Curator del Museum of Modern Art di Varsavia e curatore dello Sculpture Park di Bródno, importante realtà internazionale inaugurata nel 2009 nella capitale polacca, proprio su iniziativa di Althamer.

Pawel Althamer, Rokeya, 2017 - Samdani Art Centre and Sculpture Park, Sylhet, Bangladesh
Pawel Althamer, Rokeya, 2017 – Samdani Art Centre and Sculpture Park, Sylhet, Bangladesh

L’OMAGGIO A UNA SCRITTRICE FEMMINISTA DELL’800

La scultura l’hanno battezzata Rokeya, in onore di Begum Rokeya Sakhawat Hossain (1880-1932), mitica scrittrice del Bangladesh, femminista e attivista civile. E quasi la si potrebbe definire un’architettura, fatta di bambù e tessuti colorati, cuciti dalle donna del luogo: adagiata al suolo, con la testa poggiata su una mano e lo sguardo proiettato verso l’orizzonte, è abbastanza grande per poter passare intorno alle poderose braccia, circumnavigandola. Un monumento popolare, figlio della comunità operosa e della sua storia. Non un tempio sacro, come aveva pensato l’Imam del posto, osservando quello strano cantiere, ma un oggetto simbolico in cui le persone possono riconoscersi, e i bambini giocare, e i turisti fermarsi a osservare. Sentendosi tutti parte di un progetto, di un lavoro comune. L’obiettivo, per Althamer, era partire da un’idea di condivisione e di collaborazione, evitando qualunque manufatto che fosse calato dall’alto. L’opera intesa non già come corpo estraneo, ma come elemento di un corpo sociale.
Il Parco sarà inaugurato nel 2018, dopo che altri progetti site specific saranno portati a termine. Tra gli artisti annunciati: Asim Waqif, Ayesha Sultana, Rana Begum, Mithu Sen. Previsti a latere dei programmi di residenze per artisti e curatori, nazionali e internazionali.

– Helga Marsala

http://samdani.com.bd/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critica d'arte, giornalista, editorialista culturale e curatrice. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è stata anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatorice dell’Archivio S.A.C.S (Sportello Artisti Contemporanei Siciliani) presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 al 2020 ha lavorato come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.