Comporre e scomporre. Giovanni Termini a Lissone

MAC, Lissone – fino al 9 aprile 2017. Giovanni Termini sfida la forma con nuove strutture possibili. Tra oggetto ed estetica, processualità e inventiva.

Giovanni Termini. Visioni d’insieme. Exhibition view at MAC, Lissone 2017, photo Michele Alberto Sereni
Giovanni Termini. Visioni d’insieme. Exhibition view at MAC, Lissone 2017, photo Michele Alberto Sereni

Come una tensione continua, una molla tesa e pronta per colpire lo sguardo dello spettatore o una mina pronta a esplodere e ferire lo spazio, la nuova personale di Giovanni Termini (Assoro, 1972) organizzata e curata da Bruno Corà e Alberto Zanchetta negli spazi del MAC di Lissone punta lo sguardo su un percorso polimaterico, dove l’intuizione dell’artista coincide con l’intuizione della forma, di nuove strutture possibili.
Dal cemento al ferro, dal legno al vetro, dal cartongesso al tubo zincato e al video, Visioni d’insieme è un dispositivo multisensoriale che assorbe la luce e ridisegna gli ambienti con una cromaticità brillante e una espressività plastica disarmante. “La libertà e l’azzardo con cui oggi Termini usa tubi da impalcature cantieristiche, ferri zincati e fasce in nylon da sollevamento e trasporto, o le tavole in MDF o in formica, si devono a illustri parentele con quegli antenati e a sensibilità che ne hanno sviluppato le premesse storiche”, ha suggerito Bruno Corà nell’introduzione alla mostra.

Giovanni Termini. Visioni d’insieme. Exhibition view at MAC, Lissone 2017, photo Michele Alberto Sereni
Giovanni Termini. Visioni d’insieme. Exhibition view at MAC, Lissone 2017, photo Michele Alberto Sereni

IL PROCESSO DELL’ARTE

Accanto a tre importanti installazioni – Zona Franca (2006), Attraverso (2017) e la videostruttura Tempo imperfetto (2017) –, un disegno intitolato Carta (2015) e una piccola struttura in cemento che è, per l’artista, una Idea di coesione (2013), costruiscono un circuito pentagonale, un percorso che si sviluppa come indicatore processuale, come organizzazione di una scultura che “non ha una forma in sé ma è”, essa stessa, “la sua forma”.
Seguendo un andamento analitico che pone al centro dell’attenzione i processi che trasformano l’oggetto in corpo estetico – “Mi interessa tutto quello che accade nel mentre, nel momento della riflessione, del fare arte”, avvisa Termini –, l’artista punta l’indice su una teoria della formatività dove la compiutezza non è compimento, ma punto che condensa in sé l’intero movimento dell’attività creatrice.
Con uno sguardo che investe i materiali e apre una avventura, una scommessa, una scoperta, Giovanni Termini propone dunque un discorso che si immerge nel processo dell’arte, nella simultaneità di invenzione e produzione, per dar luogo a una riflessione sulla esecuzione, su un brano dell’arte che è, per dirla con Pareyson, “l’incerto cammino d’una ricerca, in cui la sola guida è l’attesa della scoperta”.

Antonello Tolve

Evento correlato
Nome eventoGiovanni Termini - Visioni d'insieme
Vernissage25/02/2017 ore 18
Duratadal 25/02/2017 al 10/04/2017
AutoreGiovanni Termini
CuratoriAlberto Zanchetta, Bruno Corà
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMAC - MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA
IndirizzoViale Elisa Ancona, 6 20851 - Lissone - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Antonello Tolve
Antonello Tolve (Melfi, 1977) è titolare di Pedagogia e Didattica dell’Arte all’Accademia Albertina di Torino. Ph.D in Metodi e metodologie della ricerca archeologica e storico artistica (Università di Salerno), è stato visiting professor in diverse università come la Mimar Sinan Güzel Sanatlar Üniversitesi, la Beǐjin̄g Yuy̌ań Daxué, l’Universitatea de Arta si Design de Cluj-Napoca e la Universidad Central de Venezuela. Critico d’arte e curatore, è stato commissario in diverse giurie internazionali. Tra i suoi libri si ricordano “Gillo Dorfles. Arte e critica d’arte nel secondo Novecento” (La Città del Sole, 2011), “ABOrigine. L’arte della critica d’arte” (PostmediaBooks, 2012), “Ubiquità. Arte e critica d’arte nell’epoca del policentrismo planetario” (Quodlibet, 2013), “La linea socratica dell’arte contemporanea. Antropologia Pedagogia Creatività” (Quodlibet, 2016), “Istruzione e catastrofe. pedagogia e didattica dell’arte nell’epoca dell’analfabetismo strumentale” (Kappabit, 2019), “Me, myself and I. Arte e vetrinizzazione sociale ovvero il mondo magico del selfie” (Castelvecchi, 2019), “Atmosfera. Atteggiamenti climatici nell’arte d’oggi” (Mimesis, 2019). Ha curato con Stefania Zuliani il volume di Filiberto Menna, “Cronache dagli anni settanta. Arte e critica d'arte 1970-1980” (Quodlibet, 2017) e, con S. Brunetti, “Il sistema degli artisti. Collezione, conservazione, cura e didattica nella pratica artistica contemporanea” (Mimesis, 2019). Dal 2018 e Direttore della sede romana della Fondazione Filiberto e Bianca Menna e dal 2014 è curatore della Gaba.Mc – Galleria dell’Accademia di Belle Arti di Macerata.