Imbrattato il muro di Kentridge sul Lungotevere a Roma. Sfregi a colpi di bombolette

Non si arresta lo scempio delle scritte vandaliche sui siti storici e i monumenti. Stavolta è un’opera d’arte contemporanea, realizzata sugli antichi muraglioni di Roma, a venire offesa. Il video e le foto.

Il muro di Kentridge a Roma sfregiato dalle scritte
Il muro di Kentridge a Roma sfregiato dalle scritte

Ormai è un ritornello stanco, quello che ogni giorno racconta e denuncia il degrado diffuso nella Capitale: sporcizia, incuria, abusivismo, vandalismo, traffico e scorrettezze stradali, lacune dell’amministrazione e inciviltà varie dei residenti. Inclusi, naturalmente, i soliti ragazzini armati di pennarelli e bombolette. Quelli che non si fermano dinanzi a monumenti, palazzi antichi, opere d’arte. Insomma, una forma incontrollata di piccola criminalità urbana.
La segnalazione riguarda stavolta quel tratto dei muraglioni del Lungotevere dove William Kentridge, nel 2016, ha realizzato il lungo fregio Triumphs and Laments, dedicato alla storia di Roma e alla sue icone maggiori, tra figure tragiche, mitologiche, cinematografiche, letterarie, mediatiche: 500 metri di silhouette scavate nello strato grigio di smog, grazie a una particolare tecnica “in levare”, con la produzione e l’organizzazione dell’associazione Tevereterno. Un evento di cui ha parlato mezzo mondo, accolto con grandi celebrazioni e subito amato dai romani.

Scritte sul muro di Kentridge a Roma
Scritte sul muro di Kentridge a Roma

LO SFREGIO SUL POEMA DI KENTRIDGE

L’immagine è un pugno nell’occhio: scritte, tag e scarabocchi deturpano la parte bassa di un frammento di opera, dissacrando la monumentale processione di uomini, eroi e dei che Kentridge ha regalato alla città, affidandola allo scorrere del tempo e allo sguardo dei passanti. Il fregio si cancellerà, negli anni, man mano che la coltre di caligine ricoprirà daccapo gli spazi sbiancati. Una lenta consunzione messa in conto. Ma l’insulto è arrivato prima, battendo il corso delle cose e le polveri sottili. Peccato, risponde su Twitter Tevereterno: “Peccato che non si riesca ad avere rispetto per l’arte e per il lavoro altrui”. E peccato che un sistema di telecamere, in quell’area assai esposta al degrado, non faccia il suo mestiere. Che anche questo faccia parte del corso naturale di un’opera muraria a cielo aperto è previsto, scontato. È la metropoli convulsa che non conosce briglie, è l’esposizione radicale all’incidente e all’accidente. Ma lo sfregio gratuito rimane, su un muro storico e sopra un’opera d’arte. Un problema diffuso.

Dello scorso gennaio è l’episodio dell’imbrattamento a colpi di spray di un pilastro del Colosseo. Ed è Roma, tutta, a gridare vendetta. Una guerra di scritte politiche, slogan calcistici, idiozie sentimentali e sgorbi di ogni sorta, che non risparmia architetture d’epoca e monumenti. Per tacere di quegli spazi pubblici che, in quanto tali, andrebbero rispettati: dalle scuole agli ospedali, dai cimiteri alle metropolitane.
La rappresentazione plastica di un male sottile, figlio banale dell’ignoranza: quel pezzo di muro, che ha visto 150 anni di storia e che un artista visionario ha tramutato in poema temporaneo, per i teppisti non è altro che un pezzo di muro. Imbrattarlo è come imbrattare il cesso di una stazione di servizio (che è già una roba da babbei).

– Helga Marsala

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove è anche responsabile dell'ufficio comunicazione. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali. Dal 2018 lavora come Consulente per la Cultura del Presidente della Regione Siciliana e dell'Assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana.

1 COMMENT

  1. la teppa vorrebbe essere ricordata anche se solo per aver insudiciato un muro, figuriamoci quanto si sente eroica nello sfregiare con schifezze un’opera d’Arte.

Comments are closed.