A Milano 12 artisti in una fabbrica abbandonata di panettoni. Torna il progetto RAID

Si potranno seguire dal vivo, su youtube e su un sito web. Sono 12 gli artisti che dovranno operare in sole sei ore realizzando un’opera con i materiali trovati nel contesto di una fabbrica in disuso. Il “raid” si svolge a Milano dopo un primo appuntamento bolognese.

Milano
Milano

Secondo appuntamento per RAID, l’evento previsto per il 31 marzo che vede 12 artisti fare irruzione in un luogo abbandonato. Lo scopo di ciascuno, da raggiungere in sei ore, è realizzare un’opera utilizzando i materiali trovati in loco. Il tutto avverrà fuori dalle dinamiche di mercato, con partecipanti liberi di esprimere la propria creatività.
Venue di questo momento milanese, che segue quello bolognese organizzato in occasione di ArteFiera, è una ex fabbrica di Milano di inizio ‘900 in cui si producevano panettoni: e l’alimentazione sarà perciò l’argomento guida che ogni artista, a suo modo, dovrà interpretare e sviluppare.

CHI SONO GLI “INVASORI”

Per i 12 Artisti, Alessandro Brighetti, Giulio Cassanelli, Umberto Ciceri, Fabrizio Cotognini, Arthur Duff, Martino Genchi, Daniele Girardi, Nicola Gnesi, Domenico Antonio Mancini, Francesca Pasquali, Ivana Spinelli ed Eugenio Tibaldi, le più grandi difficoltà saranno date dall’operare in maniera differente dalla loro abituale pratica artistica in un luogo altrettanto diverso dal proprio spazio creativo e con margini di tempo stretti e prestabiliti. Ogni partecipante avrà con sé una webcam che riprenderà ogni istante, collegata a un canale YouTube Live. Sarà inoltre possibile scegliere il punto di vista dell’artista dal quale si preferisce osservare l’evento sul sito dell’iniziativa.
Il secondo RAID avrà inizio alle 11 e terminerà alle 17. In queste sei ore di azione presenzierà un pubblico ristretto: collezionisti, critici e giornalisti scelti dagli artisti o dalle corrispettive gallerie di riferimento. Mentre nelle 6 ore successive, fino alle 23, si conseguiranno tre live set di musica elettronica e un concerto acustico live conclusivo. 12 ore di diretta streaming; 8 canali dedicati alla copertura dell’intero evento, di cui 6 fissi e 2 in soggettiva.

Emanuele Gurini

www.fatstudio.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Emanuele Gurini
Emanuele Gurini (Loreto, 1989) è critico d’arte e curatore indipendente. Si occupa prevalentemente di arte e teoria dell’arte e del rapporto che intercorre tra le arti visive e le nuove tecnologie. Tra i suoi interessi, la poesia verbo-visiva e gli scambi tra immagine e parola nella cultura italiana del secondo Novecento.