Dissimili e distanti. Baruchello e Perrone a Milano

Galleria Massimo De Carlo, Milano – fino all’11 e al 18 marzo 2017. Ospiti delle due sedi della galleria meneghina, i due artisti innescano un dialogo fatto di opposizioni. Baruchello delinea con esattezza la portata anti-monumentale di architetture interiori, in contrasto con il palazzo che lo accoglie. In Via Ventura, invece, Perrone, ripropone attese anatomie relegate agli strati della materia, l’ossessione per una completezza e l’impressione di paesaggi rarefatti.

Palazzo Belgioioso intensifica il numero di lavori esposti. Gianfranco Baruchello (Livorno, 1924) trasforma i supporti espositivi in una proiezione caleidoscopica, correttamente composta. I tre dipinti del ciclo Nella stalla della Sfinge (1980-1981) indagano la rappresentazione della dolcezza, mentre la Greenhouse, appena accennata con filo di ferro, conferisce il titolo alla personale. Ritagli di giornali e disegni a matita su tela illustrano il tentativo di decodificare l’esattezza caotica di d’informazioni e linguaggi mediatici degli Anni Settanta.
Dal carattere quasi opposto la mostra di Diego Perrone (Asti, 1970). Le sette teste sferiche di vetro portano impressa l’evoluzione dell’artista. Emerge una moltitudine sfumata di pesci, trattori e anfore, segni che provengono dalle origini rurali di Perrone e alludono a paesaggi in continuo mutamento. I disegni su carta, ricordano lo stampo indiretto che ha dato loro vita, fino all’eccessiva complessità della perfezione.

Ginevra Bria

Evento correlato
Nome eventoGianfranco Baruchello - Greenhouse
Vernissage25/01/2017 ore 19
Duratadal 25/01/2017 al 18/03/2017
AutoreGianfranco Baruchello
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoMASSIMO DE CARLO
IndirizzoPiazza Belgioioso 2, 20121 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. È specializzata in arte contemporanea latinoamericana.