La familiarità del contemporaneo. Octavio Floreal a Torino

Galleria Riccardo Costantini Contemporary, Torino – fino al 4 febbraio 2017. Octavio Floreal attualizza nelle sue opere la riflessione sul profondo legame, dissonante e amorevole, fra arte e artigianato. Ma anche fra materia e pensiero.

Octavio Floreal, El Temp, 2016
Octavio Floreal, El Temp, 2016

L’idea di “manufatto” in ambito filologico implica una tradizione di testi e immagini trasmessa da un manoscritto all’altro. Vi è perciò un nesso inscindibile tra l’oggetto (il manoscritto in pergamena, papiro o carta) e la scoperta dell’origine del suo contenuto (ciò che interpreta il testo). L’acuta analisi della relazione tra l’origine della creazione artistica in quanto derivato della materia e la nascita del pensiero critico animato dall’idea trasmessa dall’opera rende Octavio Floreal (Las Palmas de Gran Canaria, 1966) sensibile al peso della creatività. L’artista reinterpreta lo scenario del sacrificio, della cura nella manualità e dell’estrema drammaticità del quotidiano, seguendo per due anni il modus operandi di due maestri del metallo, i fratelli Franco e Cesare, attraverso un percorso di studio e affezione tra l’analitico e il sentimentale. Dialogando con gli artigiani, Floreal restituisce la contesa fra tecnica e concetto in maniera calibrata e contemporanea. La mostra racconta la vita e l’evoluzione dell’uomo nel suo essere-nel-mondo: è un nuovo impulso di familiarità, nato dal tempo passato insieme ai due maestri, tutto proiettato alla conciliazione di due ambiti, spesso repressi da settori apparentemente rivali, che si completano e si scrutano vicendevolmente.

Federica Maria Giallombardo

Evento correlato
Nome eventoOctavio Floreal - Humani Factus
Vernissage15/12/2016 ore 18
Duratadal 15/12/2016 al 04/02/2017
AutoreOctavio Floreal
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoRICCARDO COSTANTINI CONTEMPORARY
Indirizzovia Giolitti, 51 - Torino - Piemonte
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Federica Maria Giallombardo
Federica Maria Giallombardo nasce nel 1993. Consegue il diploma presso il Liceo Scientifico Tradizionale “A. Avogadro” (2012) e partecipa agli stage presso l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Biella (2009-2012). Frequenta la Facoltà di Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Torino, laureandosi nel 2016 con una tesi di ricerca di Filologia Italiana sull’epistolario di Vittorio Alfieri. Partecipa come relatrice alla X edizione della Scuola di Alta Formazione “Cattedra Vittorio Alfieri” nel settembre 2016. Collabora con la Fondazione Centro Studi Alfieriani e con Palazzo Alfieri. È associata alla Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze. Scrive recensioni per la webzine «OUTsiders». In occasione di Artissima 2016, partecipa al progetto “Ekphrasis 21”. Collabora con diversi artisti, tra cui Giuseppe Palmisano, Massimo Brunello e Stefania Fersini, dei quali cura il portfolio e i comunicati stampa.