Trenta artisti provenienti dalla NABA di Milano, selezionati dagli anni accademici più recenti, allestiscono alla Triennale la mostra curata da Marco Scotini. Tra pittura, scultura, disegno, performance, fotografia e videoarte. Per celebrare il decimo anniversario del Biennio Specialistico in Arti Visive e Studi Curatoriali.

La mostra prende avvio da un monito – che ribalta l’assunto espresso da Godard in La cinese –, da una grande scritta al neon che riporta: “Si deve mettere a confronto idee vaghe con immagini chiare. Poco lontano, nella stessa sala, sono stati disposti materiali e media appartenenti a pianeti apolidi, gli uni con gli altri. Assemblaggi naturali e artificiali di oggetti ricreano indizi che pongono lo spettatore sulle orme di tracce narrative, di un futuro riletto dal passato, così come lasciano intendere gli interventi organici di Andrea Bocca ed Edoardo Manzoni.
The Great Learning, infatti, non è pensata solo come una mostra celebrativa, ma come strumento pedagogico in grado di interagire con i diversi ambiti della vita produttiva e sociale, rispecchiando l’approccio formativo che da sempre caratterizza il Dipartimento di Arti Visive della NABA di Milano.

Andrea Bocca, Scelfer, 2016
Andrea Bocca, Scelfer, 2016

UNA TRILOGIA

The Great Learning rappresenta il terzo passaggio di una trilogia espositiva, ideata nel corso di sette anni come una ricerca di lungo corso sull’apprendimento. Il primo capitolo ha inaugurato nel 2010, con Learning Machine. Art Education and Alternative Production of Knowledge; la seconda mostra, del 2015, ha visto svilupparsi il tema Theatre of Learning, come riflessione sull’educazione artistica, sui processi di conoscenza che tentano di interrogare la produzione intellettuale contemporanea e sulle pratiche che l’accompagnano.
In mostra, i lavori degli studenti NABA non sono stati concepiti solo a partire dal luogo della formazione, ma anche dallo spazio stesso in cui questa viene messa in discussione.

Martina Brembati, Quando non c’è lavoro, 2016. Performance. Courtesy Andrea Reggioli e Harlem Room
Martina Brembati, Quando non c’è lavoro, 2016. Performance. Courtesy Andrea Reggioli e Harlem Room

RIFLESSI E CODICI

Le opere, negli ambienti della Triennale, riproducono, come un riflesso materico, essenza e obsolescenza conniventi della realtà urbana, a testimonianza di una perdita di sentire da parte di un uomo spinto sempre oltre il presente (Moonwalk di Marco Ceroni, oppure lo xilofono industriale di Martina Brembati). Inoltre, sculture indossabili, performance e interventi di assidua misurazione dello spazio, attraverso il corpo e i perimetri delle pareti, segnalano un interesse per la trasformazione dei dati, dei codici, per resistere in mezzo a un grande vuoto (le mappe di Luca Staccioli oppure le Quote di Stefano Serretta).

Ginevra Bria

Evento correlato
Nome eventoThe Great Learning
Vernissage17/01/2017 ore 18,30
Duratadal 17/01/2017 al 29/01/2017
CuratoreMarco Scotini
Generiarte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoTRIENNALE - PALAZZO DELL'ARTE
IndirizzoViale Emilio Alemagna 6 - Milano - Lombardia
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. È specializzata in arte contemporanea latinoamericana.