Corrispondenze d’amorosi sensi. Fabrizio Cotognini a Potenza

Museo Archeologico Provinciale, Potenza – fino al 31 gennaio 2017. Nuovo traguardo, nuova personale di Fabrizio Cotognini nell’istituzione potentina. Per raccontare una corrispondenza di amorosi sensi, un dialogo perfetto con il passato.

Fabrizio Cotognini – Is a Question of Time – exhibition view at Museo Archeologico Provinciale di Potenza, 2016
Fabrizio Cotognini – Is a Question of Time – exhibition view at Museo Archeologico Provinciale di Potenza, 2016

Con una serie di opere dell’ultimo quadriennio, realizzate appunto tra il 2012 e il 2016, Fabrizio Cotognini (Macerata, 1983) disegna, al Museo Archeologico Provinciale di Potenza una nuova, importante personale, Is a Question of Time, che coniuga le tracce del passato a quelle del presente, cataloga e conserva l’attuale mediante stratagemmi archeologici, recuperi di preziose e ricercate materie prime o oggetti – coralli, quarzi, carte giapponesi, grammofoni, lanterne magiche o caschi da palombaro – utili a raccontare un processo intellettuale sempre più aperto alla ricerca, allo scavo, alla narrazione per immagini, all’approfondimento e alla rilettura.

RICEZIONE E IMMERSIONE

Accanto a una serie di lavori la cui componente narrativa si nutre di scienza, di simbologia, di alchimia o all’occorrenza di fenologia per dar luce a immagini machiavelliche e per lasciare intravedere una storia originaria della pittura (quella degli strumenti e delle materie, quella del corpo, della mano, del gesto) – tra questi lavori ci sono il Tentativo di creare una eco mentale (2012), le Navi fantastiche (2014) e una serie di Ittiomorfi (2014) come il Vescovo di mare o il Monaco di mare – Cotognini presenta in questa sua nuova personale curata da Lorenzo Benedetti e organizzata dall’associazione Visioni Future in collaborazione con la Fondazione Morra Greco alcuni dispositivi che invitano lo spettatore a uno sguardo ricettivo in uno spazio immersivo. Sorprende, infatti, proprio ad apertura della mostra, un primo ingranaggio che decontestualizza un grammofono di fine Ottocento e crea un cortocircuito tra l’udito e lo sguardo per produrre il sentito vedere di una Anamorfosi (2016) che mostra Aleppo, la “bigia” della Siria settentrionale.

Fabrizio Cotognini – Is a Question of Time – exhibition view at Museo Archeologico Provinciale di Potenza, 2016
Fabrizio Cotognini – Is a Question of Time – exhibition view at Museo Archeologico Provinciale di Potenza, 2016

UN MONDO ARCAICO E FUTURO

Desantnik – USV 50 (2014), già presente nella sua personale Per aquam (organizzata dalla Fondazione Filiberto Menna al Museo Archeologico Provinciale di Salerno), dove un casco da palombaro sovietico degli Anni Venti è stato utilizzato dall’artista per interpretare il ritrovamento della testa bronzea di Apollo riemersa dalle acque del golfo di Salerno, è posto in questa meravigliosa mostra, in corrispondenza di un acroterio fittile con testa di medusa del V-IV sec a.C., rinvenuto sul Monte Torretta di Pietragalla.
Poco prima Et in arcadia ego (2016) è una struttura percettivamente destabilizzante, un ingranaggio leggero formato da un corallo e da una lanterna magica della Reynolds & Branson Leeds, fondata nel 1816, dal cui piccolissimo foro è proiettata l’immagine capovolta di una statuetta, parte di quel Tempietto e dea di Garaguso datato 480-470 a.C., che ricorda i Καντηλάκια (Kandylakia) greci o i modellini votivi in terracotta dei templi etruschi.
Come un acrobata, Cotognini incanta ancora una volta lo spettatore e lo trascina in un mondo arcaico e assieme futuro, dalla fisionomia bizzarra, personale, dove la ricchezza sostitutiva della forma genera nuovi e inediti tesori simbolici, nuove intenzioni semiotiche, nuove cadute in un discorso sempre più aperto, sempre più arguto.

Antonello Tolve

Dati correlati
AutoreFabrizio Cotognini
Spazio espositivoMUSEO ARCHEOLOGICO PROVINCIALE
IndirizzoVia San Benedetto 28 (84122) - Salerno - Campania
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Antonello Tolve
Antonello Tolve (Melfi 1977) è teorico e critico d’arte. Dottore di ricerca presso l’Università di Salerno, insegna Pedagogia e Didattica dell'Arte e Antropologia dell'Arte all'Accademia di Belle Arti di Macerata. Studioso delle esperienze artistiche e delle teorie critiche del Secondo Novecento, con particolare attenzione al rapporto che intercorre tra arte, critica d’arte e nuove tecnologie. Pubblicista, collabora regolarmente con diverse testate del settore. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, in Italia e all'estero e vari cataloghi di artisti. Collabora, a Salerno, con la Fondazione Filiberto Menna e dirige con Stefania Zuliani, per l’editore Plectica, la collana Il presente dell’arte. Tra i suoi libri Giardini d’utopia. Aspetti della teatralizzazione nell’arte del Novecento (2008), Gillo Dorfles. Arte e critica d'arte nel secondo Novecento (2011), Giuseppe Stampone. Estetica Neodimensionale / Neodimensional Aesthetics (2011), Bianco-Valente. Geografia delle Emozioni / Geography of Emotions (2011).