Mantra plastici. Eulalia Valldosera a Napoli

Studio Trisorio, Napoli – fino all’11 febbraio 2017. L’artista catalana presenta un itinerario estetico ed esoterico condotto fra gli antichi siti partenopei, al fine di ristabilire l’armonia tra l’io e il Tutto. Un viaggio che è denuncia degli abusi dell’uomo contro la natura.

Dall’antro della Sibilla alla rupe di Tiberio, il suo canto ancestrale risuona e la sua eco smuove i detriti della mente. Antiche memorie riemergono a nuova coscienza, rievocate dalla voce e dai gesti performativi di Eulalia Valldosera (Barcellona, 1963). Nel video Il Canto, le mani e il corpo diventano segni estetici di un linguaggio primordiale e la fotografia, l’installazione e la performance si fanno strumenti di una “tecnologia mistica”, volta al rinnovamento del mondo. A tale scopo, in Fonte del perdono, riferita agli eccessi di Tiberio, l’acqua sorgiva scorre in mille rivoli sulle pile di pentole e piatti di diverse epoche, in segno di purificazione degli abusi passati e odierni. In Fonte dell’incontro, l’acqua versata dalle ampolle del vino e dell’olio confluisce in un recipiente, avviando un circolo continuo. Al centro della sala, il Manto della Sibilla fluttua come le onde mosse dal vento, svelando nel suo drappeggio le pieghe di un sapere antico.

Rosa Esmeralda Partucci

Evento correlato
Nome eventoEulalia Valldosera - Plastic Mantra
Vernissage14/12/2016 ore 19
Duratadal 14/12/2016 al 11/02/2017
AutoreEulalia Valldosera
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoSTUDIO TRISORIO
IndirizzoRiviera di Chiaia 215 80121 - Napoli - Campania
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Rosa Esmeralda Partucci
È nata ad Avellino nel 1990 e ha frequentato il corso di Laurea Triennale in Archeologia e Storia dell'Arte all'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente è in procinto di discutere la tesi in storia dell'arte contemporanea. Ha scritto articoli su testate locali per eventi e mostre organizzate da associazioni (es. Meridies) e altri istituti, quale l'Istituto per la Diffusione delle Scienze Naturali di Napoli. Nel novero dei suoi interessi, oltre all'arte, sono compresi la fotografia, la poesia, la letteratura e il nuoto. Continuerà gli studi magistrali in ambito contemporaneo e museografico.