Un tour visivo. Aldo Mondino a Bologna

Galleria Astuni, Bologna – fino al 26 febbraio 2017. L’artista torinese ritorna con una ricca personale che ne ripercorre la carriera dagli Anni Sessanta al 2001. Con particolare attenzione al noto periodo esotico.

Aldo Mondino – Grand Tour Contemporaneo - exhibition view at Galleria Astuni, Bologna 2016
Aldo Mondino – Grand Tour Contemporaneo - exhibition view at Galleria Astuni, Bologna 2016

È difficile collocare Aldo Mondino (Torino, 1938-2005) all’interno di una precisa corrente che ha caratterizzato la scena artistica italiana ed europea a partire dal secondo Novecento. Si tratta di una personalità dinamica, che ha dedicato tutta la carriera artistica a un continuo rinnovamento, sperimentando soggetti, tecniche e materiali alternativi. La mostra bolognese propone, dunque, un tour visivo attraverso una selezione di opere che rappresentano i momenti più salienti della ricerca dell’artista.
La sala principale è dedicata al periodo in cui Mondino viaggiò in Spagna, Maghreb, Sud America e India, realizzando dipinti dal sapore esotico come il Venditore di tappeti (2001), Maroc (1999) e Dos Pasos (1999), soggetto monumentale che, grazie all’installazione di due ceste di frutta, ci proietta all’interno di un artificiale mercato ispanico. Nel medesimo spazio, alcuni esempi della stravagante produzione scultorea di Mondino come Dino Jarre (1977), opera composta da una sequenza di giare che creano uno scheletro di dinosauro, e Veronica (1999), lavoro che ritrae un torero interamente realizzato con dei cioccolatini.

Alexander Stefani

Evento correlato
Nome eventoAldo Mondino - Grand Tour contemporaneo
Vernissage17/12/2016 ore 18
Duratadal 17/12/2016 al 26/02/2017
AutoreAldo Mondino
CuratoriAchille Bonito Oliva, Vittoria Coen
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA ENRICO ASTUNI
IndirizzoVia Iacopo Barozzi 3 40126 - Bologna - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Alexander Stefani
Nato a Bolzano nel 1990, ha conseguito la laurea triennale in Beni Culturali indirizzo storico artistico presso l'Ateneo di Lettere e Filosofia di Trento. Coltiva da sempre una dedizione per la storia dell'arte, in particolare dei secoli XIII, XIV, XVII e XX. Appassionato anche di storia, fotografia e musica, attualmente frequenta il corso di laurea magistrale in Arti Visive presso l’Alma Mater Studiorum-Università di Bologna. Il suo interesse nel mondo dell’arte è rivolto soprattutto alle avanguardie storiche del primo Novecento, alle correnti neoavanguardistiche a partire dagli Anni Sessanta a oggi, all’antiquariato e al collezionismo, al diritto dei beni e delle attività culturali nonché alla tutela e gestione del patrimonio storico artistico in Italia con uno sguardo rivolto anche ad altri paesi europei. Collabora con testate di settore come Artribune e il Giornale dell’Arte.