Documenta14 in realtà è già iniziata. Sulla tv pubblica greca (e sul web)

La rete ERT2 concede la seconda serata ai curatori Hila Peleg e Vassily Bourikas, per una rassegna che introduce la visione curatoriale di documenta

From Gulf to Gulf to Gulf, Keimena
From Gulf to Gulf to Gulf, Keimena

L’opening sarà ad Atene l’8 aprile e a Kassel il 10 giugno 2017, eppure una parte dei programmi di documenta 14 ha già iniziato a velarsi. Da qualche settimana infatti la ERT2, la tv pubblica greca chiusa per mancanza di fondi pubblici nel 2013 e poi immediatamente riaperta sull’ondata di numerose proteste collettive, trasmette ogni lunedì a mezzanotte Keimena, un film program curato da Hila Peleg e Vassily Bourikas e dedicato a documentari e fiction sperimentali curato dallo staff di documenta. Che ha ottenuto di estendere le trasmissioni sul secondo canale fino ad esaurimento delle proiezioni, senza fissare un termine netto negli orari del palinsesto. Ovviamente, i film sono disponibili anche online per la settimana successiva a partire dal giorno della messa in onda (webtv.ert.gr). Anche sul sito di documenta, tra sottotitoli in tedesco, inglese e greco, sono reperibili i primi minuti di ciascun film, non appena trasmessi.

REGISTI INDIPENDENTI O POCO CONOSCIUTI

Per poter proporre una seconda serata che risulti leggibile e accessibile ad ogni tipo di pubblico, i due curatori propongono non solo una sciarada di approcci e narrative tesi a mettere in luce registi indipendenti o poco conosciuti, ma si sono anche premurati di svolgere una selezione che toccasse poetiche riguardanti temi socio-politici in dialogo con la visione curatoriale di documenta 14. Tra i filmmaker selezionati ci sono Shaina Anand e Ashok Sukumaran (India), Wang Bing (Cina), Claire Denis (Francia), Miklós Erdély (Ungheria), Aran Hughes e Christina Koutsospyrou (Grecia), Miroslav Janek (Repubblica Ceca), Romuald Karmakar (Germania), Avo Kaprealian (Siria), Parviz Kimiavi (Iran), Narimane Mari (Algeria), Alanis Obomsawin (Canada), Ulrike Ottinger (Germania), Joaquim Pinto e Nuno Leonel (Portogallo), Allan Sekula e Noël Burch (USA), Susana de Sousa Dias (Portogallo), Albert Serra (Spagna) e Dimitri Venkov (Russia).

– Ginevra Bria

webtv.ert.gr

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. È specializzata in arte contemporanea latinoamericana.