Traslochi d’arte, a Milano

GAFFdabasso, Milano – fino al 7 gennaio 2017. L’appartamento sede di sperimentazioni sull’arte contemporanea si sposta di un piano. Inaugurando lo spazio triangolare con una mostra di tre artisti invitati da altrettanti curatori.

Mirko Canesi, Fall and raising, fall and raising, fall and raising..., 2016
Mirko Canesi, Fall and raising, fall and raising, fall and raising..., 2016

L’appartamento al civico 8 di Via Gaffurio, da anni sede di collaborazioni e progetti d’arte contemporanea, si sposta al piano di sotto – da qui il nome GAFFdabasso – in un ex studio dentistico. La singolarità della pianta triangolare del laboratorio è eletta a criterio della mostra d’inaugurazione: tre artisti invitati da altrettanti curatori a riabitare uno spazio lasciato così com’è stato trovato, polvere e intonaco scrostato inclusi. Si scoprono gli interventi degli artisti tra l’aleggiare di mentolo del dentifricio usato da Mirko Canesi, invitato da Andrea Lacarpia, le delicate polaroid floreali e disegni su lucido di Lara Verena Bellenghi, scelta da Giulia Bortoluzzi, e la vibrante ed enigmatica superficie catarifrangente di Alessandro di Pietro, ospite di Giulia Brivio. Un esperimento estemporaneo, romantico quasi, animato da entusiasmo e voglia di mettersi in gioco, in cui lo spazio si carica di opere che tendono a rimanere sfuggenti e distanti tra loro.

Giulia Meloni

Milano // fino al 7 gennaio 2017
Alessandro Di Pietro | Lara Verena Bellenghi | Mirko Canesi
a cura di Giulia Brivio, Giulia Bortoluzzi, Andrea Lacarpia
GAFFDABASSO
Via Gaffurio 8
331 2273841
[email protected]
www.localedue.it/gaff

MORE INFO
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/58144/gaffdabasso/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Meloni
Giulia Meloni nasce a Cagliari nel 1990. Dopo gli studi classici, migra a Roma, dove frequenta il corso di Progettazione e Arti Applicate all’Accademia di Belle Arti. Con una tesi in storia dell’arte contemporanea approda all’Accademia di Belle arti di Brera a Milano, dove attualmente frequenta il biennio specialistico di Visual Cultures e Pratiche Curatoriali.

LEAVE A REPLY