Capolavori rinascimentali. Il Museo Jacquemart-André da Parigi a Roma

Gallerie Nazionali di Arte Antica, Roma ‒ fino al 27 gennaio 2019. Nella sede di Palazzo Barberini va in scena “La stanza di Mantegna. Capolavori dal Museo Jacquemart-André di Parigi”. Un dialogo fra la Capitale e la Ville Lumière nel solco del Rinascimento.

La stanza di Mantegna. Capolavori dal Museo Jacquemart André di Parigi. Exhibition view at Gallerie Nazionali di Arte Antica Palazzo Barberini, Roma 2018. Photo Alberto Novelli
La stanza di Mantegna. Capolavori dal Museo Jacquemart André di Parigi. Exhibition view at Gallerie Nazionali di Arte Antica Palazzo Barberini, Roma 2018. Photo Alberto Novelli

La mostra, a cura di Michele Di Monte, è incentrata su un nucleo di opere provenienti dal Museo Jacquemart-André di Parigi, lavori che spiccano per le qualità rappresentative e per l’importanza storico-artistica che simboleggiano, a testimonianza del gusto ricercato e raffinato del celebre collezionista Edouard André e della moglie Nélie Jacquemart, che nel 1912 lasciarono in eredità la loro prestigiosa collezione allo Stato francese.

LE OPERE DI MANTEGNA

Sei le opere esposte, tra le quali due capolavori di Andrea Mantegna, l’artista veneto che, chiamato da Papa Innocenzo VIII, soggiornò a Roma dal 1488 al 1490 per decorare la cappella del nuovo edificio del Belvedere. Le pitture andarono perdute durante alcune ristrutturazioni settecentesche e, nella Capitale, non sono tuttora custodite opere autografe di Mantegna. La mostra appare dunque come un’importante occasione per ammirare da vicino la Madonna con il Bambino tra i santi Gerolamo e Ludovico di Tolosa del 1455 e lo straordinario Ecce Homo del 1500 circa. L’opera, perfettamente conservata, documenta la pittura di inizio Cinquecento, nella quale le costruzioni scientifiche delle forme e degli spazi si univano magistralmente alle esigenze devozionali dell’epoca. L’Ecce Homo è una chiara sintesi della ricerca compositiva che Mantegna perseguì durante la sua carriera pittorica, un capolavoro che ha preservato il sogno del Rinascimento, quello di riunire tutte le arti in un’epoca, interrogando il passato e proiettando l’artista verso una rivoluzione visiva che ha cambiato le sorti della storia dell’arte mondiale.

Andrea Briosco detto il Riccio, Mosè, 1513. Paris, Musée Jacquemart André – Institut de France © Studio Sébert Photographes
Andrea Briosco detto il Riccio, Mosè, 1513. Paris, Musée Jacquemart André – Institut de France © Studio Sébert Photographes

SCHIAVONE E IL RICCIO

Altrettanto importante è la rara pergamena di Giorgio Schiavone, Il Ritratto d’uomo del 1460 circa: una descrizione del gusto celebrativo del ritratto, che alle rappresentazioni antiche combina il senso estetico della materia, un’abilità compositiva maturata dall’artista nella bottega del maestro padovano Francesco Squarcione.
Il culto delle forme dell’arte antica ricorre anche in Ercole e Anteo, un disegno della Scuola mantegnesca, e nel Mosè, il piccolo bronzo del 1513 di Andrea Briosco detto il Riccio.

Nadia Gardini

Evento correlato
Nome eventoLa stanza di Mantegna
Vernissage26/09/2018
Duratadal 26/09/2018 al 27/01/2019
AutoreAndrea Mantegna
CuratoreMichele Di Monte
Generearte antica
Spazio espositivoGALLERIE NAZIONALI DI ARTE ANTICA DI ROMA - PALAZZO BARBERINI
IndirizzoVia Delle Quattro Fontane 13 - 00184 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Nadja Gardini
Laureata all'Accademia delle Belle Arti di Roma, nel 2010 ha seguito un Master in Gestione di Galleria e Organizzazione di Eventi Culturali, che le ha permesso di maturare un’approfondita esperienza nel campo gestionale degli eventi. Ha organizzato e curato svariate mostre nella Capitale tra cui “L’Aquila non si muove” presso Palazzo Ferdinando di Savoia, sede del Ministero degli Interni, e “Texture percezioni filtrate” nel Villino Medievale di Villa Torlonia. Ha lavorato in Rai e dal 2012 collabora con diverse riviste online in veste di redattrice, editor e social media manager, promuovendo e divulgando la sua grande passione per l’arte.