C’è il mare a Flashback di Torino. Tutte le novità della fiera edizione 2018

Il tema della diversità, è il filo conduttore della VI edizione della fiera più contemporanea di arte antica e moderna. Con una mostra a tema marino, a cura di Gian Enzo Sperone, che percorre tutto il Pala Alpitour. Ecco le novità

Stefania Poddighe e Ginevra Pucci - Direttori Flashback
Stefania Poddighe e Ginevra Pucci - Direttori Flashback

È il tema della diversità, ispirata dal libro di fantascienza dell’antropologo Chad OliverLe rive di un altro mare, il filo conduttore della VI edizione di Flashback, la fiera più contemporanea di arte antica e moderna, che sarà nuovamente negli spazi del foyer centrale del Pala Alpitour di Torino dal 1 al 4 novembre 2018, con inaugurazione il 31 ottobre. “Dopo l’antico, il moderno e il contemporaneo ora c’è anche il futuro”, ha detto Ginevra Pucci  che insieme a Stefania Poddighe dirige la fiera torinese -, durante la conferenza stampa tenutasi presso i Bagni Pubblici di via Agliè. Un luogo nevralgico di quella periferia all’interno della quale Flashback, innanzitutto con il progetto Opera Viva in Barriera ideato da Alessandro Bulgini e poi con altri progetti realizzati sul campo, sta operando da diversi anni. “Sarà un’edizione piena di novità e appuntamenti”, ha annunciato Stefania Poddighe“a partire dall’immagine guida della fiera che per la prima volta è stata realizzata da un artista”. L’artista in questione è lo street artist Francesco Valeri, detto Lu FRA, classe 1979, di Porto San Giorgio ed è stato scelto dopo aver preso parte al progetto di Bulgini Condominio-opera viva di via Cuneo 5bis, nel quartiere di Aurora (progetto nato con l’intento di porre l’accento proprio sulla mixité sociale, culturale e temporale narrata nel libro di Oliver, ma in questo caso applicata alla periferia torinese).

Orazio Gentileschi, Pisa, 1563 London, 1639, Maria Maddalena, Olio su tela, 82.3 x 68.5 cm, Maison d’Art, Montecarlo
Orazio Gentileschi, Pisa, 1563 London, 1639, Maria Maddalena, Olio su tela, 82.3 x 68.5 cm, Maison d’Art, Montecarlo

IL RITORNO DI SPERONE

Valeri farà anche un intervento dentro la fiera: un wall painting in diretta live su una parete di 12 metri, e laboratori didattici all’interno del programma educativo curato da Mariachiara Guerra. Da non perdere la mostra sull’artista americano Tony Matelli a cura di Gian Enzo Sperone che, dopo la polemica dell’edizione 2017, tornerà in fiera con un suo stand. “Tra gli highligts c’è la bella mostra di Tony Matelli che avrà un allestimento immersivo lungo il percorso della fiera”, ha raccontato Pucci ad Artribune. “Si tratta di tre sculture iperrealiste inserite in un contesto che vuole ricreare il mare all’interno di Flashback”. Poi ci sono gli espositori, la vera anima della fiera, con un leggero aumento rispetto all’anno scorso, 43 in tutto. Tra ritorni di gallerie come Benappi Arte Antica e Moderna che espone un’opera importante per la storia dell’arte piemontese, un dipinto a doppia faccia di Eleazaro Oldoni, fino ad oggi catalogato come anonimo;  e new entry come la Maison d’Art di Montecarlo, con l’opera seicentesca Maria Maddalena di Orazio Gentileschi, avente come presunta modella la figlia Artemisia. Ritorna anche per il 2018 il progetto speciale Opera Viva Barriera di Milano, nato nel 2013 da un’idea di Alessandro Bulgini e curato da Christian Caliandro. Uno spazio pubblicitario di tre metri per sei collocato nella rotatoria di piazza Bottesini in Barriera di Milano a Torino diventa il supporto per le opere di sei artisti, uno al mese, che da maggio fino alla fiera si alternano sviluppando una riflessione sul rapporto tra arte e cultura all’interno degli spazi urbani. Al Pala Alpitour i sei manifesti, insieme a tutti i frammenti di vita raccolti nei sei mesi precedenti, sono così riuniti in un’unica mostra.

-Claudia Giraud

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).