Il museo nascosto. Palazzo Lanfranchi a Matera

Tutta la storia di Palazzo Lanfranchi. In attesa dell’anno di Matera come Capitale europea della cultura.

Palazzo Lanfranchi, Matera
Palazzo Lanfranchi, Matera

Il grande bronzo, la Goccia dello scultore giapponese Kengiro Azuma, è stato installato lì da qualche anno ed è ormai un simbolo (straordinario) di una città che in passato ha dialogato intensamente con gli artisti. L’opera protegge idealmente la facciata di Palazzo Lanfranchi, sede del Museo Nazionale di Arte Medievale e Moderna diretto da Marta Ragozzino, e guarda da un lato il centro storico della città e l’eccezionale stratificazione di grotte e architetture rupestri che compongono il paesaggio memorabile dei Sassi.
L’opera è stata posizionata dopo la grande mostra antologica che Giuseppe Appella ha ideato e curato nelle chiese rupestri (2010), progetto da cui si è avviato un fitto dialogo tra l’artista e la città, tanto che da quel momento l’ha frequentata anche per produrre nuovi lavori connessi alla sua storia (comprese le sculture di pane realizzate nei forni del centro storico).
È l’incipit di un iter espositivo che attraversa i secoli, riflette sulla storia dell’arte meridionale, propone focus e mostre, tra progetti ambiziosi e approfondimenti. Il percorso prosegue all’interno con una grande scultura, rigorosa nelle forme e nella sua progettualità, di un nome lucano che ha tracciato, soprattutto fra gli Anni Sessanta e Settanta, le radici della scultura sperimentale italiana, Pasquale (Ninì) Santoro, tra i fondatori del Gruppo Uno.

LE SALE E GLI ARTISTI

E in una delle sale del piano terra è posizionato uno degli ultimi grandi dipinti narrativi della storia dell’arte italiana del Novecento, Lucania ‘61 di Carlo Levi, che evidenzia spazi, visioni e prospettive della vita della città, fra antropologia e tradizione, tra architettura rupestre e storia sociale, che si dispiega in diciotto metri di pittura.

“In una delle sale del piano terra è posizionato uno degli ultimi grandi dipinti narrativi della storia dell’arte italiana del Novecento, Lucania ‘61 di Carlo Levi”

Al piano superiore due grandi sale sono dedicate al maestro di Cristo si è fermato a Eboli, con dipinti di medio e piccolo formato, volti, realtà, segni e storie che hanno caratterizzato l’esistenza di Levi e che il centro studi ha destinato temporaneamente a Palazzo Lanfranchi. Una pinacoteca dedicata all’arte meridionale del XVI e XVII secolo, insieme a una collezione di scultura, con opere provenienti da chiese e collezioni della Basilicata, completano il percorso di un luogo che, da alcuni anni, intende posizionarsi come spazio di riflessione e condivisione, aperto alla comunità locale, con concerti jazz, sedute di yoga e molto altro.
In attesa di conoscere il palinsesto espositivo del museo per l’anno della Capitale europea della cultura, ormai prossimo, e di un progetto di comunicazione (manca un sito internet aggiornato).

Lorenzo Madaro

Dati correlati
Spazio espositivoMUSEO NAZIONALE D'ARTE MEDIEVALE E MODERNA DELLA BASILICATA - PALAZZO LANFRANCHI
IndirizzoPiazzetta Giovanni Pascoli (75100) Matera - Matera - Basilicata
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Lorenzo Madaro
Lorenzo Madaro (1986) è curatore d’arte contemporanea e docente di Storia dell’arte e Fenomenologia delle arti contemporanee all’Accademia di Belle Arti di Lecce. Dopo la laurea magistrale in Storia dell’arte ha conseguito il master di II livello in Museologia, museografia e gestione dei beni culturali all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. È critico d’arte dell’edizione romana de “La Repubblica” e collabora con Robinson e Artribune. Tra le mostre recenti curate, "Silenzioso, mi ritiro a dipingere un quadro" (Galleria Fabbri, Milano, 2019); "‘900 in Italia. Da De Chirico a Fontana" (Castello di Otranto, 2018); "To Keep At Bay" (Galleria Bianconi, Milano 2018); "Spazi igroscopici" (Galleria Bianconi, Milano 2017); "Mario Schifano e la Pop Art italiana" (Castello Carlo V, Lecce, 2017); "Edoardo De Candia Amo Odio Oro" (Complesso monumentale di San Francesco della Scarpa, Lecce, 2017); "Natalino Tondo Spazio N Dimensionale" (Galleria Davide Gallo, Milano, 2017); "Andy Warhol e Maria Mulas" (Castello Carlo V, Lecce 2016). È direttore artistico del progetto europeo CreArt. Network of cities for artistic creation per il Comune di Lecce.