Apre a Belluno Palazzo Fulcis. Prime immagini dal nuovo Museo Civico

A partire dal 27 gennaio, oltre 600 opere della collezione dei Musei Civici di Belluno troveranno dimora in uno dei più importanti edifici del Settecento veneto, interessato da un’intensa campagna di restauro

Palazzo Fulcis, Belluno, photo Andrea De Martin

Mancano pochi giorni all’inaugurazione ufficiale di Palazzo Fulcis, destinato ad affermarsi come nuova sede del Museo Civico e ad accogliere centinaia di opere della sua collezione d’arte. In seguito al restauro costato circa 8 milioni di euro, finanziato dalla Fondazione Cariverona, l’edificio settecentesco, con i suoi 3mila metri quadrati distribuiti su cinque piani e 24 stanze, farà da cornice ai dipinti di Tintoretto, Sebastiano Ricci, Ippolito Caffi e Matteo Cesa, solo per citarne alcuni, ma anche a preziosi disegni, incisioni e ceramiche, nuclei collezionistici non esposti in precedenza a causa degli spazi limitati del Palazzo dei Giuristi, ex sede del Museo Civico.

TIZIANO IN MOSTRA

Per l’apertura di Palazzo Fulcis, sino al 1 maggio sarà esposta, dopo 167 anni dall’ultima apparizione in Italia, la celebre Madonna Barbarigo, realizzata da Tiziano alla metà del Cinquecento e oggi custodita presso l’Ermitage di San Pietroburgo. Reduce da un lungo restauro che ne ha riportato alla luce la sorprendente qualità, il dipinto sarà affiancato a un’altra versione autografa del soggetto, La Madonna con il Bambino e San Paolo, del Museo di Belle Arti di Budapest, e a una replica di bottega, La Madonna con il Bambino e Santa Caterina, delle Gallerie degli Uffizi di Firenze e per molto tempo attribuita a Tiziano. Immagini in anteprima nella fotogallery…

Arianna Testino

Inaugurazione: venerdì 27 gennaio 2017
Palazzo Fulcis
Via Roma – Belluno
http://museo.comune.belluno.it/

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Arianna Testino
Nata a Genova nel 1983, Arianna Testino si è formata tra Bologna e Venezia, laureandosi al DAMS in Storia dell’arte medievale-moderna e specializzandosi allo IUAV in Progettazione e produzione delle arti visive. Dal 2015 lavora nella redazione di Artribune. Attualmente dirige l’inserto cartaceo Grandi Mostre ed è content manager per il sito di Sky Arte, curato da Artribune. Nel 2012 ha pubblicato il saggio "Michelangelo Pistoletto. L'unione di vita, parole e opera" e nel 2016 "Un regard sur l’art contemporain italien du XXIe siècle" (con Marco Enrico Giacomelli).