La cristalleria sostenibile disegnata da Ugo Nespolo che si può avere con i bollini

La collezione di vasi e bicchieri di design è realizzata con RCR e Mirabello per Coop.

Nespolo per Coop
Ugo Nespolo per Coop

Una collezione interamente disegnata da Ugo Nespolo, artista eclettico tra pittura, scultura e cinema, alla costante ricerca di nuovi significati da attribuire agli oggetti di uso comune, quella realizzata da due storiche realtà italiane, RCR e Mirabello per Coop. Dal 9 settembre al primo dicembre 2021 ogni 15€ di spesa, con l’acquisto di prodotti Vivi Verde e/o con l’acquisto di prodotti sponsor, si riceve 1 bollino a cui si può aggiungere un piccolo contributo per ottenere uno dei premi della linea Art-Ecò by Nespolo – i premi devono essere richiesti entro il 19 dicembre 2021.La linea, che porta arte, colore e design in casa, comprende calici dal design originale, bicchieri decorati con effetti preziosi, vasi multifunzione e bottiglie dalla forma sinuosa e lineare, oltre a un telo decorativo in tessuto di raso di cotone biologico stampato in digitale. La collezione è anche ecologicamente sostenibile: RCR si impegna infatti a ridurre la propria impronta di carbonio, producendo senza emissione di fumi in atmosfera, utilizzando energia da fonti rinnovabili e riducendo da più di 10 anni i consumi di energia e di risorse naturali, mentre Mirabello è da anni certificata Oeko Tex Standard 100, che garantisce prodotti sicuri per la salute del consumatore e realizzati con utilizzo responsabile delle sostanze chimiche.

– Giulia Giaume

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Giaume
Amante della cultura in ogni sua forma, è divoratrice di libri, spettacoli, mostre e balletti. Laureata in Lettere Moderne, con una tesi sul Furioso, e in Scienze Storiche, indirizzo di Storia Contemporanea, ha frequentato l'VIII edizione del master di giornalismo Walter Tobagi. Collabora con diverse riviste su temi culturali, diritti civili e tutto ciò che è manifestazione della cultura umana, semplicemente perché non può farne a meno.