Nasce il Bosco delle artiste alla Fondazione Sandretto: parte da Torino il patto verde weTree

Il progetto prevede in tutta Italia aree verdi da intitolare a donne distintesi con le loro attività per una società migliore. A Torino sono in arrivo il Bosco delle artiste e quello dedicato a Lia Varesio, per la sua vita spesa per gli “altri”.

weTree Torino Il Bosco degli altri di Lia Varesio
weTree Torino Il Bosco degli altri di Lia Varesio

Realizzare aree verdi nelle città italiane e intitolarle a donne che si sono distinte con le loro attività per una società migliore, ma anche diffondere buone pratiche ambientali. Sono gli obiettivi del neonato progetto nazionale weTree: un patto verde finora sottoscritto dai sindaci di Milano, Perugia, Palermo, Torino. Proprio in quest’ultima città, da cui è partita un po’ tutta l’iniziativa – nata  dalla  scienziata Ilaria  Capua, direttrice del Centro  di  Eccellenza  One  Health  dell’Università  della  Florida, insieme  a  Ilaria  Borletti  Buitoni,  Presidente dell’Associazione weTree e vicepresidente  del  FAI  e  Maria Lodovica Gullino, direttore  del  centro  Agroinnova dell’Università di Torino – sono stati appena presentati i progetti di due boschi urbani: il Bosco delle artiste alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e il Bosco degli “altri” a Palazzo Nuovo. 

WETREE TORINO: LA PAROLA ALLA SANDRETTO

Sono onorata di far parte del Comitato promotore di weTree Torino”, commenta Patrizia Sandretto Re Rebaudengo, Presidente dell’omonima Fondazione. “Nel giardino pubblico davanti alla sede della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo a Torino, verranno messi a dimora nuovi alberi, dando vita a un bosco ornamentale dedicato alle artiste. Chiederemo al pubblico di scegliere le artiste a cui dedicare gli alberi, attraverso un contest. Il Dipartimento Educativo della Fondazione si prenderà cura di questo bosco e lo farà vivere e abitare, svolgendo tra gli alberi delle artiste attività e laboratori per i bambini, per le famiglie, per gli adulti e per le persone vulnerabili”. Il secondo bosco a Torino verrà, invece, intitolato a Lia Varesio, grande donna torinese che ha passato la vita, tra mille difficoltà, a occuparsi degli “altri”, i più bisognosi. 

CHI ERA LIA VARESIO

Già Cavaliere della Repubblica Italiana, fondò nel 1979 l’associazione Bartolomeo & C. che oggi ne porta avanti ideali e speranze. In questo caso, la  collaborazione  tra  Agroinnova – Centro  di  Competenza  per  l’innovazione  in campo  agro-ambientale  dell’Università  di  Torino – e  il  Comune  porterà  a  riqualificare  uno spazio dell’Università  all’interno  del  comprensorio  denominato Palazzo  Nuovo,  tra  Via  Verdi  e Corso  San  Maurizio:  la  progettazione  e  realizzazione  del  Bosco avverrà  grazie  alle  due  paesaggiste  torinesi  titolari di LineeVerdi, Stefania Naretto e Chiara Otella, che  già  hanno  operato  in  modo  ecosostenibile  sul territorio e vinto premi internazionali. “Già a neanche venti giorni dal suo lancio il progetto weTree sta crescendo: sono certa che il futuro di questa iniziativa, inaugurata grazie alla visione di Ilaria Capua e alla competenza di Maria Lodovica Gullino, attraverserà molte città del nostro paese”, conclude Ilaria Borletti Buitoni. “Il contesto nel quale vivono le persone è fatto di natura e di identità culturale e solo l’equilibrio tra questi ambiti può contribuire alla qualità dell’ambiente e quindi alla salute dei cittadini presso le Istituzioni e le Università, producendo tanti piccoli boschi in tutte le città del nostro Bel Paese”. 

– Claudia Giraud

https://www.wetree.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).