Apre la XII Edizione del Festival multidisciplinare perAspera a Bologna

Fino al 16 settembre a Bologna e area metropolitana, va in scena la XII Edizione del Festival multidisciplinare “perAspera”. Abbiamo parlato con Maria Donnoli una delle organizzatrici del progetto. Ecco cosa ha raccontato in esclusiva per Artribune.

BrightBlack, PerAspera, Bologna
BrightBlack, PerAspera, Bologna

Si svolge fino al 16 settembre la XII Edizione del Festival multidisciplinare perAspera che avrà luogo a Bologna e nell’area metropolitana della città. 

IL PROGRAMMA DEL FESTIVAL

“Il festival multidisciplinare perAspera, prodotto dall’associazione alberTStanley”, ci racconta Maria Donnoli, organizzatrice della manifestazione, “è giunto alla XII edizione e da sempre cerca di creare un legame tra artisti, territori e cittadini. PerAspera, quindi, non si limita a coinvolgere solo il centro storico, ma si estende anche alle periferie e all’Area Metropolitana della città in spazi dismessi e non-luoghi”. Al centro della manifestazione “l’umanità in sé e in relazione alle nuove tecnologie”, continua la Donnoli. “Quindi anche con il titolo – che è un chiaro riferimento a Nietzsche ‘Umano. Troppo Umano’- si vuole sottolineare quel fermento creativo, quell’emersione delle forme espressive più potenti che attraversano la cultura contemporanea inglobano filoni apparentemente opposti: dal senso antico della comunità alle tecnologie immersive applicate all’arte”.

IL PROGRAMMA

Undici saranno gli artisti che parteciperanno al progetto: ognuno di loro lavorerà in una location differente realizzando un intervento site specific. “Il programma è intenso ed incalzante, ospiteremo e produrremo due grandi anteprime nazionali: un’esperienza tecnologica immersiva intitolata ‘The Third Day’ di CiRCA69 (UK) presso lo spazio curatoriale bolognese Adiacenze e l’installazione interattiva ‘Unique and Spectacular Moment’ ideato da BrightBlack (UK) che si svolgerà dal 13 al 15 settembre presso le Serre dei Giardini Margherita di Bologna. Anche in questo secondo caso si tratta di un’esperienza immersiva che porta i partecipanti dal videogioco alla vita reale: divenuti personaggi del mondo virtuale, avranno l’obiettivo di tornare in quello reale per creare e documentare un “momento unico e speciale”.

CALL FOR PLACES

Anche quest’anno è stata promossa una open call per gli artisti e sono stati selezionati: il performer Lorenzo De Simone, i percussionisti Francesco Cigana e Marcello Batelli, la poetessa e musicista elettronica S.ee (Serena Di Biase) insieme alla videomaker Jody Ellen (Elena Mortarelli). “Nel corso degli anni il formato del festival è cambiato radicalmente: in principio si svolgeva in un unico spazio, successivamente si è esteso ad altri luoghi. Quest’anno abbiamo deciso di organizzare una call for places dove abbiamo chiesto a soggetti pubblici e privati di proporci dei nuovi spazi che potessero essere valorizzati da artisti selezionati”. Ecco alcune immagini.

– Valentina Poli

https://www.perasperafestival.org

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Valentina Poli
Nata a Venezia, laureata in Conservazione e Gestione dei Beni e delle Attività Culturali presso l'Università Ca' Foscari di Venezia, ha frequentato il Master of Art presso la LUISS a Roma. Da sempre amante dell'arte ha maturato più esperienze nel settore della didattica progettando e gestendo laboratori, in quello della preparazione di piccoli e grandi eventi culturali, nel settore delle gallerie d'arte e in campo giornalistico con collaborazioni con riviste del settore. Oggi vive a Roma.