Matera 2019. 3 cose da non perdere questo fine settimana nella Capitale della Cultura

Teatro, arte sonora e cinema: ecco gli appuntamenti più interessanti in programma questo fine settimana a Matera e non solo, nell’ambito degli eventi di Capitale Europea della Cultura

Le arti come strumento per riscoprire le tradizioni e le radici culturali del territorio e della comunità: è questo il fil rouge che lega le tante iniziative promosse nell’ambito di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, con una programmazione di eventi che coinvolge in prima persona esponenti italiani e internazionali del mondo della cultura ma anche e soprattutto il pubblico. Uno spettacolo costruito attraverso i laboratori condotti da La Fura dels Baus con Ulderico Pesce e Mauro Diazzi sul tema delle “vergogne” poi, col tempo, reinterpretate come “bellezza”; una torre simbolo per la città jonica di Nova Siri trasformata in installazione sonora da Matteo Nasini; e un documentario dell’artista russo Anton Vidokle sul festival del matrimonio degli alberi che si tiene annualmente in Basilicata, sono tra le attività che caratterizzano il cartellone di eventi di questo fine settimana. Ecco nel dettaglio tutti gli appuntamenti…

– Claudia Giraud 

www.materaevents.it

1. LA BELLA VERGOGNA MESSA IN SCENA DA LA FURA DELS BAUS E ULDERICO PESCE

Labellavergogna, crediti foto Luca Centola

La vergogna diventa bellezza. Uno spettacolo costruito attraverso i laboratori condotti dalla compagnia teatrale spagnola La Fura dels Baus con Ulderico Pesce e Mauro Diazzi debutterà il 10 agosto 2019 al Banxhurna di San Paolo Albanese alle pendici del Monte Pollino, per essere replicato l’11 e il 12 agosto. Il lavoro, da un punto di vista formale mira a mettere assieme il teatro di azione e di immagine de La Fura dels Baus, con il teatro di narrazione che è la cifra stilistica di Ulderico Pesce e il suo gruppo. Da un punto di vista contenutistico si mira a rappresentare e narrare “le vergogne” che sono, col tempo, state reinterpretate come “bellezza”. Prima fra tutte la città di Matera che da “vergogna nazionale”, come la definisce Togliatti in un comizio del 1948, viene reinterpretata col tempo come “bellezza massima”, fino a diventare Capitale Europea della Cultura 2019. Attraverso il teatro, la danza, la musica e i video, il progetto intende capovolgere il concetto di vergogna, rileggendola da subito come “bellezza in potenza” non ancora espressa.

La Bella Vergogna
il 10, 11 e 12 Agosto alle 21
Il Centro Mediterraneo delle Arti, Centro Banxhurna, San Paolo Albanese (PZ)
tel. 320/9435130; 331/4216529
[email protected]

2. LA TORRE SONORA DI MATTEO NASINI

Torre Bollita

Nell’ambito del Programma Residenze di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, organizzato dall’Associazione TerreJoniche Magna Grecia, con il contributo di BCC Basilicata e curato da Nicoletta Guglielmucci, prenderà il via questo weekend la progettazione artistica di Matteo Nasini per l’antica Torre Bollita di Nova Siri: un simbolo per la città jonica che per l’occasione si apre alla comunità. L’artista progetterà un’installazione sonora che consisterà in sculture vibranti, in grado di convertire lo stormire del vento in suono.

Inaugurazione dell’installazione “Torre Stormita”
9 Agosto dalle ore 19.00
presso Torre Bollita, Via la Voce della Luna, 75020 Nova Siri Scalo (MT)
Fino al 23 agosto aperture e visite guidate solo su prenotazione
Per maggiori informazioni contattare:
[email protected]
[email protected]

3. ANTON VIDOKLE REALIZZA UN FILM PER OLIVETO LUCANO INSIEME AI CITTADINI

Anton Vidokle, This is Cosmos, 2014, 28’10 min, HD Video, color, sound, Russian with English subtitles

Continuano le residenze e i progetti di Gardentopia, il progetto di Matera Capitale sulla cultura del verde e la cittadinanza attiva ibridati dall’arte contemporanea: un’utopia green che trasforma i giardini in luoghi di comunità accessibili a tutta la cittadinanza, con il coinvolgimento di 18 artisti coordinati dalla curatrice Pelin Tan che lavorano e lavoreranno su 32 giardini di comunità diffusi in tutta la regione. Fino al 12 agosto 2019 si svolgerà ad Oliveto Lucano la residenza dell’artista russo ed editor della popolare piattaforma e-flux Anton Vidokle, che per Gardentopia realizzerà un film con la partecipazione dei cittadini. Si tratterà principalmente di un documentario sul festival del matrimonio degli alberi che si tiene annualmente in Basilicata, ma anche una fiction, che racconterà la storia di tre alberi antropomorfi.

Gardentopia – Anton Vidokle
L’artista sarà in residenza fino al 12 agosto ad Oliveto Lucano, dove comincerà a lavorare alle riprese

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).