Matera 2019. Le 3 cose da non perdere questo fine settimana nella Capitale della Cultura

Il pane nell’arte, la danza sul lago, l’opera lirica nei Sassi: ecco gli appuntamenti più interessanti in programma questo fine settimana a Matera e non solo, nell’ambito degli eventi di Capitale Europea della Cultura

Le arti come strumento per riscoprire le tradizioni e le radici culturali del territorio e della comunità: è questo il fil rouge che lega le tante e diversificate iniziative promosse nell’ambito di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, con una programmazione di eventi che coinvolge in prima persona esponenti italiani e internazionali del mondo della cultura ma anche e soprattutto il pubblico. La mostra di opere di artisti di tutto il mondo che interpretano il pane, simbolo non solo della storia ma di una perenne contemporaneità; la danza che avrà come scenario l’Arena Sinni, un anfiteatro costruito sullo specchio d’acqua del Lago di Montecotugno a Senise, nel Parco del Pollino; il nuovo allestimento di Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni, coprodotto dal Teatro di San Carlo di Napoli e dalla Fondazione Matera Basilicata 2019, in uno dei siti più suggestivi al mondo, sono tra le attività che caratterizzano il cartellone di eventi di questo fine settimana. Ecco nel dettaglio tutti gli appuntamenti…

Claudia Giraud

https://www.materaevents.it

1. TUTTE LE DECLINAZIONI DEL PANE NELLE OPERE DI 45 ARTISTI INTERNAZIONALI

Cosmo Laera, Le Grazie del Pane, 2019

Sono 45 e provengono da Africa, Asia e Europa gli artisti che hanno risposto alla sollecitazione del curatore Andrea B. Del Guercio e hanno creato opere interpretando e raccontando uno tra i più straordinari soggetti rappresentativi della società umana e delle sue infinite e diverse culture, un simbolo non solo della storia ma di una perenne contemporaneità: il pane. Opere/pane, in diversi materiali e tecniche, realizzate appositamente per la mostra simbolo del Festival La Terra del pane – il progetto per Matera 2019 che la Fondazione Sassi realizza nell’anno in cui Matera è Capitale Europea della Cultura in coproduzione con la Fondazione Matera-Basilicata 2019 – Tutti i pani del mondo, a cura di Del Guercio, titolare della Cattedra di Storia dell’Arte Contemporanea all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Negli ipogei della Fondazione Sassi nel rione Sasso Barisano, sculture, installazioni e performance, pitture astratte e figurative, fotografie e video, realizzati da artisti del Benin, della Cina, Francia, Georgia, Germania, Italia, Olanda, Svezia e della Svizzera, sono in esposizione per esprimere la loro personale idea di pane.

Tutti i pani del mondo
Inaugurazione venerdì 26 luglio 2019 Ore 18,30
Ipogei della Fondazione Sassi, via San Giovanni Vecchio – Rione Sasso Barisano – Matera
La mostra resterà aperta al pubblico dal 26 luglio al 20 settembre 2019.

2. DANZA COMUNITARIA SUL LAGO NEL PARCO DEL POLLINO

Arena Sinni

Parte del progetto Ka art dell’associazione ArtePollino, lo spettacolo Compagnia Compagnia del coreografo e regista francese Jérôme Bel, a cura di Katia Anguelova, è un’indagine sul carattere e le prospettive dell’atto performativo e gestuale, una celebrazione dell’atto della danza che avrà come scenario l’Arena Sinni, un anfiteatro costruito sullo specchio d’acqua del Lago di Montecotugno a Senise. Danzatori professionisti e amatoriali provenienti dal territorio, selezionati in collaborazione con Jérôme Bel e Chiara Gallerani, faranno parte di un corpo di ballo temporaneo, composto da persone di ogni età ed estrazione sociale e culturale, e saranno soggetti e co-autori dell’opera di Jérôme Bel. Protagonisti di un lavoro che vuole essere una riflessione sul concetto stesso di danza che mette in discussione l’autorità del “danzare bene” a vantaggio del puro piacere di esibirsi.

Jérôme Bel – Compagnia Compagnia
28 luglio 2019, ore 19.30
Arena Sinni, Strada Comunale Vicinale Codicino snc, C.da Massanova, 85038 Senise PZ

3. CAVALLERIA RUSTICANA TRA I SASSI PER IL PROGETTO ABITARE L’OPERA

Sono aperte le prenotazioni per Abitare l’Opera, il progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019 coprodotto da Fondazione Matera Basilicata 2019 e Teatro di San Carlo di Napoli per portare l’opera lirica nei Sassi attraverso il coinvolgimento attivo della comunità, chiamata a prendere parte alla costruzione dello spettacolo, per la regia di Giorgio Barberio Corsetti. Il 2 e 3 agosto il pubblico potrà assistere a due diverse azioni teatrali: un Prologo sui Sassi itinerante, dal titolo I sette peccati capitalisti, costituito da brevi quadri teatrali e danzanti ispirati ai sette peccati capitali, animato dalla partecipazione dei cittadini e performer professionisti. La seconda parte dello spettacolo consiste nella messa in scena dell’opera lirica La Cavalleria Rusticana di Pietro Mascagni nel suggestivo scenario di Piazza San Pietro Caveoso e presso la Chiesa di Santa Maria di Idris: qui l’Orchestra e il Coro del Teatro di San Carlo saranno guidati dal direttore musicale Juraj Valčuha assieme a un cast di alto livello. “Attraverso il grande cantiere di “Abitare l’Opera”, nato dalla collaborazione fra Teatro di San Carlo e Fondazione Matera Basilicata 2019, i cittadini di Matera”, sottolinea il Presidente della Fondazione, Salvatore Adduce, “hanno la possibilità co-creare con artisti provenienti da uno dei teatri più prestigiosi d’Europa, un’opera lirica messa in scena nel teatro naturale della città”.

Prova filata del Prologo sui Sassi il 31 luglio e il 1 agosto, Piazza San Pietro Barisano, ore 17:30: accesso con Passaporto per Matera 2019 e prenotazione su MateraEvents o presso l’Infopoint
Prove generali aperte della Cavalleria Rusticana, 1 agosto, Piazza San Pietro Caveoso ore 20:30: Accesso libero e gratuito fino a esaurimento posti
Prologo sui Sassi, 2 e 3 agosto, Piazza san Pietro Barsano ore 17:30: accesso con passaporto per Matera 2019 e prenotazione su MateraEvents o in Infopoint
Cavelleria Rusticana, 2 e 3 agosto, Piazza San Pietro Caveoso ore 20:30: accesso con Passaporto per Matera 2019 e prenotazione su MateraEvents o in Infopoint

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).