Saluzzo tra arte, antiquariato e artigianato: 4 eventi in uno dei 10 borghi più belli d’Italia

Seconda edizione di start/storia arte Saluzzo: arte contemporanea, artigianato e antiquariato in 10 location in Piemonte. Tra una vetrata del ‘500 lavorata a pixel e un’opera d’arte ambientale, ecco gli eventi da non perdere.

START, allestimento Cavassa
START, allestimento Cavassa

Una città che si fa museo diffuso, che propone opere di personaggi locali che si intrecciano con quelli internazionali, in una continua esplorazione tra spazio pubblico e privato, dove poter respirare le storie degli artigiani del territorio, storie di passioni che si tramandano di padre in figlio, esperti ebanisti e maestri, ma anche giovani falegnami con approcci più sperimentali: stampa 3D, crowdsourcing, open design. Tutto questo è start/storia arte Saluzzo– un evento organizzato da Fondazione Amleto Bertoni e Comune di Saluzzo – che quest’anno, alla sua seconda edizione, ritorna fino al 27 maggio in uno dei dieci borghi più belli d’Italia in provincia di Cuneo, dividendosi tra 10 location, tra cui alcuni spazi temporanei creati appositamente per eventi che mettono in relazione l’arte e l’architettura con un pubblico variegato, con i bambini delle scuole e le famiglie. Il tutto all’insegna del connubio Arte, Antiquariato e Artigianato – declinato nel tema di quest’anno, la Memoria – che vede intrecciarsi oggetti d’antiquariato, antichità e collezionismo, a laboratori, incontri letterari, seminari e concerti. Ecco una selezione degli eventi da non perdere…

– Claudia Giraud

www.startsaluzzo.it/

1. SALUZZO ARTE

Roberta Toscano Memento, 11 artisti

Saluzzo Arte è la manifestazione che apre il Progetto Start e, nel segno dell’innovazione che caratterizza l’intero evento, quest’anno cambia pelle: ottocento metri quadrati negli spazi della Castiglia in cui sono esposte opere d’arte di artisti italiani. Questa nuova edizione – curata da Togaci Gaudiano e coordinata da Paolo Infossi– seguirà il filo della memoria, nella declinazione di “coscienza del tempo”, e proporrà le opere di 11 artisti: Cinzia Ceccarelli, Francesca Corso, DustyEye, JINS©, Ornella Rovera, Maria Grazia Solano, Roberta Toscano, Flavio Ullucci, Luj Vacchino, Ugo Venturini, Davies Zambotti. Oltre alla collettiva, lo spazio ospiterà anche un’altra installazione artistica a cura dell’Istituto Garuzzo per le Arti Visive – Igav (Project Room).

23° Mostra di Arte Contemporanea di Saluzzo – Memento/fino al 13 maggio
La Castiglia, Salita al Castello

2. IL DUO NEWYORCHESE VINCITORE DEL PREMIO OLIVERO CON UNA VETRATA A PIXEL

START allestimento Cavassa

Il duo newyorchese costituito da Mark Barrow e Sarah Parke è il vincitore della 40ª edizione del Premio Matteo Olivero, Ricordare la memoria, organizzato dall’associazione The Blank. Il riconoscimento, dedicato al pittore saluzzese Matteo Olivero, esponente di rilievo del divisionismo italiano, è stato assegnato dalla Giuria internazionale, composta da Stefano Raimondi, Eva Fabbris, Leah Pires, Arturo Demaria e Roberto Giordana, ai due artisti grazie al progetto Analemma: un’installazione di oltre 60mila piccole pellicole colorate e trasparenti dalla dimensione di 1×1 centimetro applicate su quattro delle cinque finestre della Cappella Cavassa. Concepita specificatamente per coesistere con le opere presenti all’interno dello spazio, l’opera è ispirata dagli edifici religiosi che gli artisti hanno visitato durante il soggiorno in Italia e specificatamente a Roma, dove le chiese Cristiane erano costruite al di sopra di architetture imperiali e ne riprendevano esistenti iconografie creando così una stratificazione sia spaziale che temporale.

40° Premio Matteo Olivero/fino al 27 maggio
Cappella Cavassa, Via S. Giovanni, 5 

3. AIMARO E HILARIO ISOLA: PADRE E FIGLIO INSIEME NEL SEGNO DELL’ARTE AMBIENTALE

Aimaro Isola – Colori del Paesaggio, con installazione di Hilario Isola

Start, in collaborazione con il Comune di Barge, a pochi chilometri da Saluzzo, apre per la prima volta al pubblico gli spazi appena restaurati delle Ex Offcine Ferroviarie con l’esposizione Colori del Paesaggio che celebra il lavoro di Aimaro Isola, protagonista dell’architettura italiana contemporanea. In esposizione una serie di disegni e acquerelli inediti, sul tema dell’abitare nel paesaggio, realizzati da Aimaro Isola in collaborazione con Roberto Gabetti dal 1951 al 2000 e successivamente con Isolarchitetti. Da qui nasce il concept dell’artista Hilario Isola che ripercorre e rielabora il lavoro del padre in un’unica grande installazione lunga 150 metri che si snoda leggera negli spazi austeri delle ex officine ferroviarie. Sul tessuto macchie di colore, segni di matita e di china abbandonano la dimensione del tavolo da disegno per ingrandirsi progressivamente e invadere l’intero spazio espositivo, sconfinando nell’anfiteatro antistante le Ex Officine, dove si fondono con il paesaggio in una grande opera d’arte ambientale e di camouflage. Tra spazio interno ed esterno, l’opera permanente diventa, infatti, un pergolato e un tetto artistico, ma anche luogo di condivisione e socialità che potrà ospitare in futuro incontri, workshop, visite guidate e spettacoli.

Aimaro Isola – Colori del Paesaggio, con installazione di Hilario Isola/fino al 2 giugno 2018
Ex Offcine Ferroviarie, Piazza Stazione 4, Barge (CN)

4. ANTIQUARIATO: UN PERCORSO NELL’ARTE DI OGNI TEMPO

Antiquariato

La Mostra Nazionale dell’Antiquariato si ripete a Saluzzo da circa 40 anni. Il gusto e la definizione di “bellezza” cambiano negli anni, ma Saluzzo resta una nicchia dove la tradizione ha radici che affondano nel secolo scorso e l’attenzione all’arte antica non è mai venuta meno. All’origine di questo successo c’è sicuramente il livello delle mostre e delle esposizioni, che si rivolgono a un pubblico esigente e interessato. A corollario degli allestimenti a cura di galleristi e operatori, una mostra sarà dedicata al prestigioso marchio di ceramiche e bambole da collezione Lenci.

Mostra Nazionale dell’Antiquariato/dall’11 al 20 maggio
Fondazione Amleto Bertoni – Antiche scuderie Ex Caserma Musso 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).