Mostre virtuali (e non): ora i centri commerciali sfidano i musei

Inizia a diffondersi anche in Italia il fenomeno delle mostre all’interno di luoghi frequentati da un pubblico generalista e poco avvezzo all’arte contemporanea, come i centri commerciali…

Takashi Murakami, Tokyo Tower, Franciacorta 2018
Takashi Murakami, Tokyo Tower, Franciacorta 2018

L’interattività e la multimedialità sono due componenti che ricorrono sempre più spesso nelle mostre. Un nuovo modo di intendere l’interazione tra spettatore e opera d’arte che è sempre meno passiva e sempre più “esperienziale”. Proprio l’utilizzo del termine “experience” indica una particolare tipologia di mostra, in cui il racconto dell’opera e l’elemento multimediale immersivo diventano più importante dell’opera in sé. Anzi, quasi sempre l’oggetto dell’arte – quadro, scultura, installazione, performance, ecc. – scompare, non c’è e non c’è mai stato, per lasciare spazio alla sua rappresentazione. Di solito, al centro di questa tipologia di mostre ci sono i grandi nomi della storia dell’arte, quelli in grado di richiamare il grande pubblico generalista. E se l’opera non è più necessaria, il museo, inteso come istituzione adibita ad esporre, è assolutamente superfluo. Via libera ai centri commerciali ed affini che ospitano mostre virtuali e non che, se da un lato fanno storcere il naso agli addetti ai lavori, dall’altro hanno per lo meno il pregio di avvicinare un pubblico non abituato all’arte. E se all’estero le mostre nei centri commerciali sono ormai una realtà assodata che coinvolge artisti del calibro di Carsten Höller (1961, Bruxelles) che ha realizzato un’installazione presso l’Aventura Mall, un centro commerciale in un sobborgo di Miami, anche in Italia il fenomeno inizia a diffondersi.

– Mariacristina Ferraioli

1. LEONARDO DA VINCI EXPERIENCE A MONDOJUVE

Leonardo Experience

Al MondoJuve Shopping Center c’è, dal 27 marzo al 10 aprile, LEONARDO DA VINCI EXPERIENCE, una mostra immersiva gratuita per raccontare vita ed opere di Leonardo Da Vinci. La mostra digitale è arricchita da un’esposizione di riproduzioni fedeli di alcune delle più significative macchine progettate da Leonardo. Non solo intrattenimento, ma anche formazione per bambini e adulti grazie ad un allestimento costituito da un cinema in 10D, tecnologia immersiva di ultimissima generazione, totem digitali interattivi, fedeli riproduzioni a grandezza naturale delle opere e laboratori per i più piccoli.

 

LEONARDO DA VINCI EXPERIENCE / 27 marzo – 10 aprile 2018
MondoJuve Shopping Center
Str. Debouchè, 10042 Nichelino, Torino
http://www.mondojuve.it/it/home

 

2. IL POP GIAPPONESE AL FRANCIACORTA OUTLET

Las Meninas, Land of fashion, 2018 Franciacorta

 

Il Franciacorta Outlet Village, in provincia di Brescia, ospita, dal 6 aprile al 6 maggio, la mostra JapanPOP in Franciacorta: Takashi Murakami, Tomoko Nagao & more, una collettiva di opere di artisti giapponesi contemporanei. La mostra si compone di una cinquantina di opere ospitata all’interno di una boutique del centro commerciale e da un percorso espositivo en-plein-air che si sviluppa nelle vie e nella Piazza centrale con gigantografie, stencil, installazioni site-specific, gonfiabili tratti dalle opere di Tomoko Nagao.

JapanPOP in Franciacorta: Takashi Murakami, Tomoko Nagao & more / 6 aprile – 6 maggio
Franciacorta Outlet Village
http://www.franciacortaoutlet.it

 

3. KLIMT AL COMPLESSO MONUMENTALE SAN GIOVANNI ADDOLORATA

“KLIMT’S MAGIC GARDEN: A Virtual Reality Experience”

Nasce con l’intento di raccontare la vita e le opere del padre fondatore della Secessione Viennese la mostra Klimt Experience, che dopo il boom di visitatori ottenuto al Complesso di Santo Stefano al Ponte a Firenze, al MUDEC di Milano ed alla Reggia di Caserta, arriva a Roma nel complesso monumentale di San Giovanni Addolorata. Un percorso espositivo immersivo, della durata complessiva di 85 minuti, racconta la vita dell’artista attraverso una serie di opere selezionate dallo storico dell’arte Sergio Risaliti.

 

Klimt Experience /10 febbraio – 10 giugno 2018
piazza di San Giovanni in Laterano 74, 00184 Roma
http://www.klimtexperience.com

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Mariacristina Ferraioli
Mariacristina Ferraioli è giornalista, curatrice e critico d’arte. Dopo la laurea in Lettere Moderne con indirizzo Storia dell’Arte, si è trasferita a Parigi per seguire corsi di letteratura, filosofia e storia dell’arte presso la Sorbonne (Paris I e Paris 3). Ha conseguito il Master in Organizzazione e Comunicazione delle Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Ha vinto la Residenza per Curatori della Dena Foundation for Contemporary Art presso il Centre International d’Accueil et d’Echanges des Récollets di Parigi. Ha lavorato al Centre Pompidou collaborando alla realizzazione della mostra “Traces du Sacré” e ha pubblicato un testo critico sul catalogo della mostra. Ha coordinato l’ufficio Master dell’Accademia di Belle Arti di Brera e ha curato mostre sia in Italia che all’estero. Redattrice di Artribune, collabora stabilmente con Cosmopolitan Italia, Marie Claire Maison, Le Quotidien de l'Art. Ha conseguito un dottorato in Comunicazione e mercati: Economia, Marketing e Creatività presso l’Università Iulm di Milano, è docente a contratto presso diverse istituzioni e fa parte del team curatoriale di ArtLine, progetto d’arte pubblica del Comune di Milano nel parco di CityLife.