Parola alle scimmie. Sergio Ragalzi a Roma

Galleria L’Attico, Roma – fino al 20 marzo 2017. L’artista piemontese torna nella galleria capitolina con una mostra che evoca immagini, suoni e un riverbero di forte tensione.

Sergio Ragalzi, Parola alle Scimmie, installazione sonora a cura di Elsa Agalbato, Fabio Sargentini, L'Attico, Roma 2017
Sergio Ragalzi, Parola alle Scimmie, installazione sonora a cura di Elsa Agalbato, Fabio Sargentini, L'Attico, Roma 2017

Sembra quasi un memento la mostra di Sergio Ragalzi (Torino,1951), che ritorna dopo quindici anni negli spazi della galleria L’Attico di Roma con l’aggiunta di un nuovo elemento: la “parola”. Dal piglio composto, le grandi opere riempiono ogni sala estendendosi oltre lo spazio fisico della tela: si tratta di otto scimmie urlanti di tre metri per tre che imprimono negli occhi l’immagine persistente di qualcosa che accade e si ripete e nelle orecchie il suono cacofonico delle loro grida. Le figure in bianco su fondo nero si prestano a una sempre nuova apparizione, rivelando la loro forma spettrale con l’alternarsi di luci, ombre e suoni. Un’opera esperienziale che unisce l’iconografia inquieta di Ragalzi e il visionario modus operandi dei due “animali teatrali”, così si definiscono il gallerista Fabio Sargentini e la sua compagna e curatrice della mostra Elsa Agalbado.

Donatella Giordano

Evento correlato
Nome eventoSergio Ragalzi - Scimmie urlanti
Vernissage03/02/2017 ore 19
Duratadal 03/02/2017 al 20/03/2017
AutoreSergio Ragalzi
CuratoreElsa Agalbato
Generiarte contemporanea, personale
Spazio espositivoGALLERIA L'ATTICO - FABIO SARGENTINI
IndirizzoVia Del Paradiso 41 - Roma - Lazio
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Donatella Giordano
Nata in Sicilia, vive a Roma dal 2001. Ha studiato presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, dove nel 2006 ha conseguito il diploma di laurea con una tesi che approfondiva la nascita dei primi happening e delle azioni performative viennesi degli anni Sessanta, fino alle controverse ricerche della Body Art degli anni Novanta. Un lavoro che ha poi portato avanti con integrazioni o interviste pubblicate, come quelle rilasciate da Stelarc, Orlan e Franko B. Dopo aver conseguito l'abilitazione, dal 2008 insegna Storia dell'Arte e Disegno in una scuola pubblica. Nell'ambito del progetto 100% Periferia ha curato mostre al Palazzo delle Esposizioni di Roma, Scuderie Aldobrandini di Frascati, Farm Cultural Park di Favara, Metropoliz di Roma. Nel 2012 ha curato la prima edizione del Digital Live della Fondazione Romaeuropa, inaugurando la sezione "Talks". Nel 2013 è stata Assistant Curator per il progetto "Joan of Art: Towards a Free Education" presso il Macro di Roma e la Gervasuti Foundation di Venezia. Ha pubblicato il catalogo “Quadratonomade, opere d’arte in scatola per un museo itinerante” edito da Gangemi. Nel 2020 ha co-curato una mostra al Museo Carlo Bilotti di Roma. Scrive per Artribune dal 2014, dove dal mese di aprile 2020 ha inaugurato la sezione Podcast con la rubrica "Monologhi al Telefono".