Astrazioni a confronto. Una collettiva a Napoli

Galleria Fonti, Napoli – fino al 16 marzo 2017. Gli ambienti della galleria partenopea ospitano una mostra sui generis. Dedicata al tema dell’astrazione.

Giuseppe Capogrossi, Superficie 535, 1961
Giuseppe Capogrossi, Superficie 535, 1961

Prendendo in prestito il titolo da un’opera di Pietro Consagra del 1959 (presente in mostra), la rassegna Colloquio Mitico prova ad analizzare differenti possibilità espressive legate all’astrazione, attraverso un percorso che mette in dialogo i lavori eterogenei di artisti del secolo scorso – maestri ormai storicizzati – come lo stesso Consagra e Giuseppe Capogrossi, con artisti nel pieno della loro attività creativa quali Fabian Marti, Seb Patane e Paul Thorel fino al misterioso Philadelphia Wireman.
Se per Consagra l’astrazione in scultura è da intendersi come la riduzione a un solo punto di vista frontale, per Fabian Marti diviene un processo ironico e dissacrante per ribaltare il significato della storia che si intreccia nei fili e tra i pezzi di riciclo di Philadelphia Wireman. Trova corpo e precisione nella pittura segnica di Giuseppe Capogrossi o nei raffinati collage di Seb Patane, frutto del riutilizzo e della trasformazione di elementi già esistenti e ri-codificati. L’indagine sull’astrazione si completa con la serie di stampe digitali colorate a pastello da Paul Thorel.

Gino Pisapia

Evento correlato
Nome eventoColloquio Mitico
Vernissage21/01/2017 ore 11
Duratadal 21/01/2017 al 16/03/2017
AutoriGiuseppe Capogrossi, Seb Patane, Pietro Consagra, Fabian Marti, Paul Thorel, Philadelphia Wireman
Generifotografia, arte contemporanea, collettiva
Spazio espositivoGALLERIA FONTI
IndirizzoVia Chiaia 229 - Napoli - Campania
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Gino Pisapia
Classe 1981, Gino Pisapia è critico d’arte e curatore indipendente, indaga e si occupa di ricerca sulle ultimissime esperienze artistiche, vive e lavora a Firenze. Nel 2006 si è laureato in Storia dell'arte Contemporanea all'Università di Napoli, nel 2007 ha conseguito un master in Management dei Beni Culturali promosso dalla Regione Campania. Ha ideato e realizzato progetti di didattica museale integrata, nel 2008 ha scritto e diretto il documentario Astrazione Napoletana sull'opera di Renato Barisani e dal 2007 al 2010 ha collaborato con la Galleria Lia Rumma di Napoli/Milano. Ha tenuto lezioni di storia dell'arte e fatto parte di varie giurie per l'assegnazione di premi legati alla cultura e all'arte contemporanea. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati tra cui Memories; vertigine [di]segno; Tempus edax rerum; Elements; Cleo Fariselli. I suoi contributi critici sono presenti in diverse pubblicazioni. Scrive per Exibart, ArsKey e Artribune.