Francesca Grilli cita Andrea Mantegna. L’installazione per Mantova Capitale della Cultura

Si chiama Borders il progetto per Mantova voluto dalla Direzione Generale Arte e Architettura del Mibact come appuntamento fisso della Competizione Italiana della Cultura. E che nell’opera d Grilli riprende l’arte di Andrea Mantegna.

Francesca Grilli, Borders, Mantova
Francesca Grilli, Borders, Mantova

Ancora novità da Mantova, nel 2016 eletta Capitale Italiana della Cultura, riconoscimento arrivato alla città dal Mibact, grazie ad un ricco programma di iniziative. I viaggiatori di fine anno possono partecipare agli eventi conclusivi di un 2016 che ha attraversato tutti i campi del sapere, dalla letteratura alle politiche culturali fino alle arti visive e all’arte pubblica. Nell’ambito del progetto Un’opera per Mantova si è inaugurata infatti di recente un’installazione permanente di Francesca Grilli, collocata al Bastione di Porta Catena e sul Lungolago Gonzaga, intitolata Borders. Il programma è un must della competizione italiana che elegge la città reginetta della cultura: ogni capitale infatti dovrà – complice la Direzione Generale Arte e Architettura del Ministero – dotarsi di un’installazione artistica, un monumento per la città. Quella ideata dalla Grilli ragiona sul tema dei confini con due cannocchiali panoramici che puntano al cielo, riprendendo la prospettiva della famosa Camera degli Sposi di Andrea Mantegna (conservata dentro lo splendido Palazzo Te della città) e l’altro al Lungolago inquadrando l’acqua, dando l’idea dell’infinito inesplorato.

CAPITALI DELLA CULTURA VERSO IL 2018

Nata nel 2014, infatti, a seguito della nomina di Matera a Capitale Europea della Cultura 2019, e forse delle polemiche interne o esterne lanciate dalle sconfitte che nacquero intorno alla scelta europea del progetto di Paolo Verri, ma come risultato positivo della legge ArtBonus, il progetto delle Capitali Italiane della Cultura è stato creato ai nastri di partenza del ministero di Dario Franceschini. Si disse, al tempo, che la competizione nasceva dalla volontà di cogliere in maniera positiva la grande ricchezza del panorama culturale italiano, dimostrata dalla prolifica partecipazione delle città dello Stivale alla competizione europea – oltre 20 con connotati estremamente differenti -. Nel 2017 sarà Pistoia a succedere a Mantova. Lo scorso mese, invece, è stata annunciata la shortlist per il 2018 delle 10 finaliste. Sono Alghero, Aquileia, Comacchio, Erice, Ercolano, Montebelluna, Palermo, Recanati, Settimo torinese, Trento. A sceglierle una giuria presieduta da Stefano Baia Curioni che ha operato una prima scrematura tra le 21 candidatesi. In attesa del responso, ecco le immagini dall’installazione di Francesca Grilli…

www.mantova2016.it

Dati correlati
AutoreFrancesca Grilli
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.