Su ItsArt, la piattaforma della cultura italiana, dal 15 ottobre una Traviata rivoluzionaria

Il 15 ottobre debutterà in esclusiva su ITsART La Traviata del Maggio Musicale Fiorentino: una versione inedita, ambientata nella Parigi del 1968, con la regia di Davide Livermore e Zubin Mehta sul podio

La Traviata su ITsART
La Traviata su ITsART

Partita a maggio 2021, dopo l’annuncio di un ricco palinsesto di 700 contenuti, ITsART ha acquistato gradualmente punti trasmettendo oltre 350mila streaming di contenuti in piattaforma durante i primi 4 mesi e registrando fino a più di un milione di accessi e 80mila clienti registrati. Ora si appresta a ripartire con una nuova stagione altrettanto ampia di contenuti culturali in digitale – gratuiti oppure a pagamento (ma non è permesso l’abbonamento mensile in stile Netflix) -, in cui si annoverano film, concerti, opere, spettacoli e performance teatrali. Tra nuovi format sviluppati e prodotti dalle principali istituzioni culturali italiane – aree archeologiche, musei, fondazioni, accademie e teatri – insieme ad un’ampia proposta di film e documentari, grazie alla collaborazione con le principali case di produzione cinematografica.

LA TRAVIATA RIVOLUZIONARIA DEL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO: REGISTA DAVIDE LIVERMORE

In questa ricca offerta, non poteva mancare la lirica, con La Traviata rivoluzionaria del Maggio Musicale Fiorentino, che venerdì 15 ottobre alle ore 21 debutterà in esclusiva sulla piattaforma. Una versione inedita dell’ottocentesca opera di Giuseppe Verdi, questa volta ambientata nella Parigi del 1968 durante gli anni della contestazione, con la regia di Davide Livermore che lascia spazio a un’ambientazione contemporanea, in perfetto equilibrio con l’ispiratissima caratterizzazione dei personaggi, ma al tempo stesso dirompente, dove dramma privato e vita pubblica, accettazione e senso di rivalsa si intrecciano in un gioco di specchi e rimandi. “Non per provocare”, dice Livermore, “ma per raccontare più da vicino questa storia, per sviluppare la ricchezza e la modernità del capolavoro verdiano e anche lo scandalo che creò nella società di allora, nel 1853. Ciò nel rispetto totale, parola per parola, nota per nota, del libretto e della partitura”. “Anche l’amore tra Violetta e Alfredo è altrettanto forte e rivoluzionario”, continua il regista, “è quello di una giovane e bellissima prostituta, Violetta, che grazie a esso intraprende un vero e proprio percorso di redenzione personale”.

IL FIL ROUGE DELLA CONTESTAZIONE DEL ’68 A PARIGI

Tutto concorre a dare forma al fil rouge della rivoluzione, ispirato proprio dalla trama ottocentesca: il nuovo allestimento del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino con le scene di Giò Forma a dare plasticità alle vicende di Violetta (un’eccezionale Nadine Sierra)con riferimenti al film Blow up di Antonioni; Zubin Mehta sul podio che scandisce le armonie dell’Orchestra e del Coro del Maggio (qui in veste trasgressiva) diretto da Lorenzo Fratini, con particolare enfasi sul pathos profondo de l’amami Alfredo (interpretato da un potentissimo Francesco Meli); la cupa ambientazione di Parigi, resa così dall’impianto luminotecnico di Antonio Castro; i costumi contemporanei, casual, provocanti di Mariana Fracasso; gli slogan sessantottini nelle proiezioni di D-Wok, rivolti a una borghesia disinvolta e poco incline al senso del pudore, nella fattispecie il personaggio di Germont (interpretato da un sorprendentemente odioso Leo Nucci). I biglietti sono disponibili sulla piattaforma.

-Claudia Giraud

https://www.itsart.tv/it/content/la-traviata-2021/f53d531f-80d1-4662-bafe-e397fb99a4e2?utm_source=artribune&utm_medium=native&utm_campaign=la_traviata&utm_content=News

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).