Teatro alla Scala su Google Arts&Culture: online i tesori di uno dei teatri più famosi al mondo

Grazie al colosso americano dell’IT si potranno scoprire le collezioni del Museo, le mostre dedicate alla storia del famoso teatro di Milano e ai suoi protagonisti e arrivare nei suoi luoghi più inaccessibili

Il Museo Teatrale alla Scala di Milano riapre virtualmente le sue porte grazie a Google Arts & Culture. Dopo aver chiuso i battenti a causa delle restrizioni Covid-19, ora è possibile scoprire i tesori di uno dei teatri più famosi al mondo comodamente da casa. Tra bozzetti, figurini, spartiti, si tratta di quasi 260 mila immagini digitalizzate dall’archivio del teatro che ora si possono sfogliare in remoto. Un patrimonio immenso, messo a disposizione di tutti grazie all’intervento del colosso americano dell’IT che, tra le varie opzioni, permette di passeggiare per le sale scaligere grazie a Street View; scoprire cosa si prova a salire sul palcoscenico come una stella dell’opera; assistere a un balletto dal Palco Reale o curiosare nel laboratorio industriale, dove gli artigiani creano palcoscenici incredibili, oggetti di scena e quasi 1.000 costumi ogni anno, tra cui creazioni di stilisti come Gianni Versace e Yves Saint Laurent. Se si sceglie di andare dietro le quinte, ci si può imbattere, per esempio, in una rara edizione manoscritta dello spartito di Turandot, nel primo libretto del Nabucco di Giuseppe Verdi o conoscere i vari artisti il cui lavoro ha abbellito il palcoscenico della Scala, tra i quali David Hockney e Giorgio De Chirico. Ecco le immagini…

– Claudia Giraud 

https://artsandculture.google.com/search/asset/?p=teatro-alla-scala&em=m03rjj&categoryid=place

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).