Achille Lauro diventa lo stripper d’Europa. L’opera omaggio di Giulio Marchetti dopo l’Eurovision

Con l’opera dal titolo “Laurovision”, con un Achille Lauro aggrappato come un lap dancer alla bandiera dell’Europa, l’artista, illustratore e poeta romano, ha voluto omaggiare il cantante reduce dall’Eurovision a Torino con il brano “Stripper”

Giulio Marchetti, Laurovision opera
Giulio Marchetti, Laurovision opera

Achille Lauro diventa lo stripper d’Europa. È così che il popolare personaggio, reduce dalla partecipazione all’Eurovision Song Contest a Torino come portacolori della Repubblica di San Marino proprio con il brano Stripper, è stato ritratto dall’artista Giulio Marchetti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giulio Marchetti (@giuliomarchetti_art)

LAUROVISION: L’OPERA OMAGGIO DI GIULIO MARCHETTI AD ACHILLE LAURO ALL’EUROVISION

Al suo ritorno a Milano c’era, infatti, ad attenderlo il quadro di Marchetti, intitolato Laurovision, opera con cui l’artista, illustratore e poeta romano, classe 1982, ha voluto omaggiare “il performer, trasformista dai mille volti, provocatore, cantante: definire Achille Lauro è impossibile”, sottolinea Marchetti. “Lauro De Marinis, questo è il suo vero nome, è l’unico fra gli artisti che hanno gareggiato all’Eurovision 2022 a sfuggire a qualsiasi etichetta”. Il dipinto vuole sottolineare come l’indiscussa ascesa mediatica del cantante, a livello continentale, possa essere metaforizzata in un Lauro danzante, aggrappato come un provocante stripper alla bandiera dell’Europa.

Giulio Marchetti, In studio
Giulio Marchetti, In studio

ACHILLE LAURO COME IL DAVID DI MICHELANGELO

Il visual-artist romano non è nuovo alla collaborazione con l’amico cantante. Aveva già realizzato in precedenza l’opera David Lauro, in cui l’estetica di Lauro veniva sovrapposta ad una delle più grandi icone maschili dell’arte italiana, il David di Michelangelo, per sottolineare la propensione del cantante a prendere spunto dalla storia dell’arte antica e contemporanea: ha, infatti, impersonato il San Francesco di Giotto nella prima serata del 2020 a Sanremo, poi la collezionista Luisa Casati Stampa sempre sul palco dell’Ariston, e la Pietà di Michelangelo nel video di Me ne Frego. Ora questo nuovo focus su di un piano forse più politico. “Qualunque cosa sia (politicamente) l’Europa, adesso quello è il suo strip club“, scrive Marchetti sul suo profilo Instagram. E non è un caso che il cantante abbia fatto sua l’opera per celebrare il ritorno dalla partecipazione all’Eurovision.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.