Mostra tributo a Lucio Dalla a 10 anni dalla morte e a 80 dalla nascita. Prima tappa a Bologna

Nel biennio in cui ricorre il decennale dalla scomparsa e l’ottantesimo anniversario dalla nascita del grande cantautore bolognese, una mostra-evento lo celebra nella sua città. Poi il tour prosegue a Roma, a Napoli e a Milano

NAPOLI - INAUGURAZIONE DELLA NAVE FANTASIA DELLA MSC. NELLA FOTO SOFIA LOREN E LUCIO DALLA
NAPOLI - INAUGURAZIONE DELLA NAVE FANTASIA DELLA MSC. NELLA FOTO SOFIA LOREN E LUCIO DALLA

Sono passati 10 anni dalla morte in Svizzera di Lucio Dalla, lo straordinario cantautore bolognese di pezzi indimenticabili come Caro amico ti scrivoCarusoCome è profondo il mare, ma anche un personaggio profondamente legato alle arti visive, collezionista che non esitava a scommettere su artisti anche agli esordi, fino all’esperienza della galleria No Code, gestita in prima persona a Bologna. Ma il prossimo anno saranno anche gli 80 anni dalla sua nascita avvenuta il 4 marzo 1943, come la sua famosa canzone, nel capoluogo emiliano. Per celebrare questo doppio anniversario, si apre proprio a Bologna – dal 4 marzo al 17 luglio 2022 al Museo Civico Archeologico – una mostra-evento che andrà in tour: prima a Roma in autunno, dal 22 settembre all’Ara Pacis, e nel 2023 a Napoli e a Milano.

Foto ritratto, Archivio fotografico Pressing Line foto di M.Viola © Riproduzione riservata
Foto ritratto, Archivio fotografico Pressing Line foto di M.Viola © Riproduzione riservata

LA MOSTRA TRIBUTO A LUCIO DALLA NELLA SUA BOLOGNA

 Abbiamo tutti una canzone di Lucio nel cuore. I suoi brani, la sua poetica, hanno accompagnato come una colonna sonora la nostra vita e quella di generazioni di italiani”, dichiara Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia-Romagna. “Per questo ho trovato subito veramente interessante l’idea di una mostra evento dedicata a questo nostro grande artista a dieci anni dalla sua scomparsa e a ottanta dalla nascita. Un’occasione per ripercorrere la sua produzione di cantante e compositore, ma anche la dimensione umana, privata, così ironica e straripante. Lucio non è stato solo un grande musicista, ma anche un artista poliedrico che fu attore cinematografico, scrittore, regista teatrale, amante dello sport, appassionato di motori. Ringrazio dunque la Fondazione Lucio Dalla e l’azienda COR per averci offerto l’opportunità di questa mostra, per poi portare nuovamente, dopo Bologna, Lucio in tour a Roma, Milano, Napoli prima che all’estero“.

Lucio Dalla alle Tremiti, Foto di A. Lo Giudice
Lucio Dalla alle Tremiti, Foto di A. Lo Giudice

ALESSANDRO NICOSIA PATRON DELLA FIERA DI ROMA CURATORE DELLA MOSTRA

Promossa dal Comune di Bologna con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, la mostra è, infatti, ideata e organizzata dalla società C.O.R. Creare Organizzare Realizzare di Roma (la stessa che organizza la fiera Arte in Nuvola) presieduta da Alessandro Nicosia che ne è curatore insieme alla Fondazione Lucio Dalla: saranno esposti materiali, molti dei quali in visione per la prima volta, che documentano l’intero percorso umano e artistico di uno dei più amati artisti italiani e internazionali. “Presentare l’Universo Dalla in uno spazio di 1000 metri quadri è stata un’impresa difficile ma sicuramente affascinante”, spiega Nicosia che ha curato molte monografiche dedicate a personaggi del cinema e della musica come Federico Fellini, Alberto Sordi, Luciano Pavarotti. “Per avere un quadro più attento e preciso, ho condotto un lungo e approfondito lavoro di ricerca, leggendo tantissimi libri, interviste, giornali, guardando filmati, ma soprattutto intervistando chi realmente l’ha amato e conosciuto: in questo modo mi è stato possibile raccogliere numerosissime testimonianze fondamentali per riuscire a comporre una lettura esaustiva di una personalità così sfaccettata“.

LUCIO DALLA IN CASA CON MAMMA JOLE, 1971
LUCIO DALLA IN CASA CON MAMMA JOLE, 1971

OLTRE 10 LE SEZIONI DELLA MOSTRA DEDICATA A LUCIO DALLA

Sono oltre dieci le sezioni in cui è suddivisa l’esposizione che contiene, insieme ai documenti, foto, filmati, abiti di scena e altri aspetti che ci raccontano la sua vita, l’arte e le passioni del cantautore: Famiglia-Infanzia-Amicizie-Inizi musicaliDalla ci raccontaIl clarinettoIl museo DallaDalla e la sua musicaDalla e il cinemaDalla e il teatroDalla e la televisioneDalla e RoversiDalla e la sua Bologna e soprattutto la sezione Universo Dalla, con decine di foto del Maestro con tanti personaggi della cultura, i più importanti cantanti, i tantissimi collaboratori che lo accompagnarono puntualmente nel suo lavoro.

Lucio Dalla in uno spettacolino teatrale, Archivio Antonio Bagnoli
Lucio Dalla in uno spettacolino teatrale, Archivio Antonio Bagnoli

LA FONDAZIONE LUCIO DALLA CO-CURATRICE DELLA MOSTRA

La mostra è un’idea anche della Fondazione Lucio Dalla, con sede nella casa dell’artista ospitata in un palazzo del XV secolo ricco di opere d’arte originali ed eclettiche, tra cui la collezione di Dalla che spazia dagli artisti del ‘500 ai contemporanei. “Lo scopo per cui abbiamo dato vita alla Fondazione Lucio Dalla, nel 2014, è quello di mantenere viva la memoria di Lucio e di raccontarne la storia”, conclude Andrea Faccani, Presidente Fondazione Lucio Dalla. “Ciò diviene ancora più importante e significativo nel biennio in cui ricorre il decennale della sua scomparsa e l’ottantesimo anniversario dalla nascita. Vorremmo che in questi due anni il ricordo di Lucio fosse corale, partecipato e diffuso. Sono tante le iniziative che Fondazione Lucio Dalla realizzerà e promuoverà, tanti coloro che saranno al fianco della Fondazione nel nome di Lucio e che ringraziamo per le idee, per l’omaggio, per l’entusiasmo con cui stiamo condividendo e condivideremo il ricordo di Lucio, da Bologna fino a Sorrento“.

– Claudia Giraud

Eventi d'arte in corso a Bologna

Evento correlato
Nome eventoLucio Dalla. Anche se il tempo passa
Vernissage04/03/2022 ore 11 su invit
Duratadal 04/03/2022 al 17/07/2022
AutoreLucio Dalla
CuratoreAlessandro Nicosia
Generidocumentaria, fotografia
Spazio espositivoMUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO
IndirizzoVia Dell'archiginnasio 2 - Bologna - Emilia-Romagna
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).