Muore a Milano Lucio Nisi. Fu tra i fondatori del Plastic, storico club milanese delle star

È morto a Milano all’età di 71 anni il patron del locale che ha fatto la storia del clubbing milanese. Da qui sono passate tutte le star internazionali: Keith Haring, Freddie Mercury, Madonna e Andy Warhol

Lucio Nisi, fonte profilo FB
Lucio Nisi, fonte profilo FB

È morto nella notte tra venerdì 15 e sabato 16 novembre 2019 Lucio Nisi, tra i fondatori del mitico Plastic di Milano: si è spento all’età di 71 anni dopo una lunga malattia. In quel locale, che è molto di più di una semplice discoteca, sono passate tutte le star internazionali: Keith Haring, Freddie Mercury, Madonna e Andy Warhol grazie ad Elio Fiorucci, di cui Nisi era molto amico, insieme ad Oliviero Toscani.

LA STORIA DEL PLASTIC 

È un locale che ha fatto la storia del clubbing milanese. Non solo si è conquistato una fama internazionale, ma ha introdotto una visione nuova e allo stesso tempo rispettosa dell’identità territoriale”, ha dichiarato ad Artribune, in occasione del focus su Clubbing e Voguing pubblicato sul nostro magazine di settembre/ottobre 2019 Sergio Tavelli, dal 2017 ideatore del celebre party del sabato notte Club Domani al Plastic di Milano, dove lavora da metà Anni Novanta. “Negli Anni Ottanta, periodo in cui le discoteche erano molto scenografiche, il Plastic si presentava come un parallelepipedo nero, senza luce, spoglio, con la segatura a terra, che puntava tutto sulla musica e le persone che entravano a far parte della sua “famiglia” allargata”.

CHI ERA LUCIO NISI

Lucio Nisi era il proprietario e l’amministratore delegato, insomma il patron del Plastic, aperto nel 1980 in viale Umbria da suo fratello Lino insieme al dj Nicola Guiducci, direttore creativo del locale e curatore di alcune mostre per il PlasMA, la galleria d’arte moderna a fianco della discoteca, per portare la musica post punk e la cultura club e gay friendly newyorkese in Italia. Originario di Villa Castelli, in Puglia, arrivato a Milano per gestire un negozio di frutta e verdura in zona San Siro, Nisi, che nel 2009 è stato insignito dell’Ambrogino d’oro – riconoscimento speciale che viene conferito a chi ha dato lustro alla città – ha amministrato il locale per oltre vent’anni, fino al suo trasferimento nel 2012 in via Gargano, zona Ripamonti, ribattezzato in Killer Plastico. “Esprimo il mio cordoglio per la scomparsa di Lucio Nisi, tra i fondatori del Plastic, storico locale milanese che nel tempo ha portato a Milano stili nuovi e attratto artisti internazionali, insignito dell’Ambrogino d’Oro nel 2009”, ricorda in un post su Twitter il sindaco Giuseppe Sala, unendosi al cordoglio generale che da giorni riempie la bacheca Facebook di Lucio Nisi. “La nostra città lo ricorderà con gratitudine”.

– Claudia Giraud

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).