Club To Club torna in Puglia con VIVA! Festival e si espande in Valle d’Itria: i luoghi dei live

La seconda edizione di VIVA! Festival, la creatura musicale di Club To Club e della società pugliese Turné, si diffonde nella Valle d’Itria: dal Parco Archeologico di Egnazia alla spiaggia di Ostuni. Ecco i 5 luoghi in cui si svolgerà la rassegna

Ostuni Ph Emanuele Colabello
Ostuni Ph Emanuele Colabello

In questo secondo anno di vita, VIVA! Festival – la creatura musicale nata nel 2017 dalla sinergia tra la società pugliese Turné e Club To Club, con il sostegno di Audi – torna in Puglia dal 4 all’8 luglio, scegliendo di anticipare la propria presenza di più di un mese, per diffondersi nel territorio della Valle d’Itria e dei suoi immediati dintorni, con l’intento di valorizzarne al meglio le diverse anime. Con una line up che offre un approccio transglobale ai nuovi suoni grazie ad alcuni degli artisti più apprezzati e influenti del panorama musicale degli ultimi anni: Arca, Goldie — Blue Note set, Anthony Naples, Jamie xx, Sampha, The Black Madonna, Awesome Tapes From Africa, Call Super, Carla Dal Forno, Equiknoxx ft. Shanique Marie, Helena Hauff, Iceage, John Maus, K Á R Y Y N, Laurel Halo, Nicola Conte & Spiritual Galaxy, Nu Guinea, Rudan e STILL. In questa edizione – intitolata ITALIA’18 in omaggio alla mancata partecipazione della Nazionale azzurra al Campionato mondiale di calcio -, oltre alle due serate nella suggestiva Arena Valle d’Itria collocata tra Locorotondo e Martina Franca, VIVA! coinvolgerà infatti tutti i principali borghi della Valle: Locorotondo, Fasano, Martina Franca, Ostuni e Alberobello. Ecco queste suggestive location nel dettaglio, tra rinomati centri storici e siti archeologici di sicuro fascino…

– Claudia Giraud

https://clubtoclub.it/it/viva-18-about/

1. ALBEROBELLO

Alberobello Ph Federica Mancini

Da oltre vent’anni Patrimonio Mondiale Unesco grazie ai suoi splendidi trulli – presenti principalmente nella Valle d’Itria, situata tra le province di Brindisi, Bari e Taranto – Alberobello, cittadina dell’entroterra barese, ne rappresenta senz’altro la capitale: il centro storico è, infatti, integralmente costituito da questi particolari edifici di forma piramidale che lo rendono unico al mondo. Proprio all’interno di questa splendida cornice, prenderà il via il 4 luglio il festival con un live gratuito.

Centro storico di Alberobello

2. MARTINA FRANCA

Martina Franca Ph Emanuele Colabello

Nota per l’architettura barocca e situata sulle colline orientali della Murgia, a uguale distanza dallo Ionio e dall’Adriatico, Martina Franca è una delle città più popolose della provincia tarantina, ed è un crogiolo di storia e arte. Ad impreziosire il centro storico sono le caratteristiche casette bianche che si sviluppano in verticale e si dipanano in stradine tortuose, e il barocco sontuoso di Palazzo Ducale, Palazzo Martucci, Palazzo dell’Università, Palazzo Motolese, Palazzo Maggi, Palazzo Ancona e, sempre all’interno della cinta muraria medievale, la Basilica di San Martino che custodisce le sculture di Stefano da Putignano e Giuseppe Sammartino. Il suo centro storico sarà teatro di un evento speciale il 6 luglio.

Centro storico di Martina Franca

3. LOCOROTONDO

Locorotondo

Tra i borghi più belli d’Italia, per l’armonia delle forme e la fruibilità del centro storico, il cuore antico di Locorotondo è un monumento unico che esercita suggestione e fascino, con le sue casupole candide, le viuzze lastricate, eleganti portali e balconi fioriti. Arroccata su un altopiano nell’area sud-orientale delle Murge dei Trulli, nel cuore della Valle d’Itria, a meno di 10 km da Alberobello, deve il suo nome alla caratteristica forma circolare del centro antico del paese, sorto attorno all’anno mille. Qui ha sede l’Arena di Viva!, già stage della prima edizione e cuore della programmazione del Festival per due notti consecutive di grande musica nazionale e internazionale.

Arena Valle d’Itria, Tenute Cardone, ai piedi di Locorotondo

4. FASANO

Fasano Ph Emanuele Colabello

Situata al centro di un ideale triangolo che ha per vertici le città di Bari, Brindisi e Taranto, distanti da Fasano circa 50 km, la città segna il confine fra il Salento e la Terra di Bari. Il comune, insieme alla vicina Cisternino, fu aggregato alla nuova provincia nel 1927. Nelle sue vicinanze si staglia il suggestivo sito archeologico di Egnazia, un’antica città fondata nel XV secolo a.C. e citata tra gli altri da Plinio, Strabone ed Orazio, attualmente uno dei più interessanti siti archeologici di tutta la Puglia. Questo sarà uno degli spazi dove l’8 luglio si concluderà il festival che intende segnalare – con il patrocinio della Presidenza Regionale del FAI – Fondo Ambiente Italiano – il Parco Archeologico di Egnazia in occasione de “I Luoghi del Cuore”: giunto alla nona edizione, il censimento nazionale promosso dal FAI in collaborazione con Intesa Sanpaolo vuole sensibilizzare i cittadini e le istituzioni sul tema della tutela e della valorizzazione del patrimonio storico, artistico, naturalistico del nostro Paese.

Masseria Eccellenza, Contrada Monte Pizzuto, Fasano, BR
https://www.masseriaeccellenza.it/
Parco Archeologico di Egnazia, Strada Statale 379 uscita Fasano-Savelletri, in provincia di Brindisi.
L’ingresso è sulla litoranea Monopoli-Savelletri.
http://www.egnazia.eu/

5. OSTUNI

Ostuni Ph Emanuele Colabello

Detta anche Città Bianca, per via del suo caratteristico centro storico che un tempo era interamente dipinto con calce bianca – oggi solo parzialmente -, Ostuni sorge a più di 200 metri sul livello del mare sulle ultime propaggini della Murgia, costituendo uno dei luoghi più famosi del Salento insieme a Santa Maria di Leuca, Otranto e Taranto. Ma non sarà il suo borgo medievale al centro dell’attenzione del festival, bensì la sua “marina”. La spiaggia di Ostuni ospiterà, infatti, l’evento di chiusura in occasione del quale, presso il White Ostuni Beach Club, Red Bull Music ​presenterà Beats from the Lido: un vero e proprio spin-off del Festival per celebrare l’estate italiana e la chiusura di questa seconda edizione attraverso le performance di dj ed artisti italiani invitati dallo special host Jolly Mare, esponente di spicco del sound italo disco a livello internazionale, a reinterpretare grandi successi estivi.

White Ostuni Beach Club, Contrada Monticelli, 72017 Località Quarto di Monte, Ostuni BR
www.whiteostuni.it/

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è Caporedattore Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica "Art Music" dedicata a tutti quei progetti dove il linguaggio musicale si interseca con quello delle arti visive. E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).