50 anni per Kurt Cobain. Tutte le immagini per celebrare il maestro del Grunge

Avrebbe compiuto 50 anni Kurt Cobain, se non avesse deciso di suicidarsi nel 1994. Tutte le immagini per commemorare l’icona del grunge di Seattle a mezzo secolo dalla sua nascita.

Oggi Kurt Cobain (nato a Aberdeen, e morto suicida a Seattle nel 1994) avrebbe compiuto 50 anni. I primi “concerti” dei Nirvana si tenevano a casa di Krist Novoselic, il bassista spilungone che nella band è stato sempre la sua spalla ironica. A ventidue anni ha pubblicato, con la leggendaria etichetta Sub Pop e la produzione di Jack Endino, Bleach, che fissa i canoni di un genere. Nel 1991, Nevermind è un autentico big bang: l’album, tra i più importanti degli ultimi 30 anni, trova il punto di equilibrio tra punk e melodia, tra sottocultura e mainstream. Insoddisfatto della produzione pulita e “monodimensionale” affidata a Butch Vig, per il successivo disco decide di chiamare Steve Albini, famoso per la sua filosofia radicale. Il risultato è In Utero, registrato in appena 6 giorni nel febbraio 1993 e pubblicato dopo mesi di trattative con i discografici. Un gioiello ancora oggi sottovalutato – e una miniera di creatività, espressione, stile.

Christian Caliandro

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Christian Caliandro
Christian Caliandro (1979), storico dell’arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, insegna storia dell’arte presso l’Accademia di Belle Arti di Foggia. È membro del comitato scientifico di Symbola Fondazione per le Qualità italiane. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini. L’inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria, 1977-’83” (Mondadori Electa 2008), “Italia Reloaded. Ripartire con la cultura” (Il Mulino 2011, con Pier Luigi Sacco) e “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” (Bompiani 2013). Cura su “Artribune” le rubriche inpratica e cinema; collabora inoltre regolarmente con “La Gazzetta del Mezzogiorno”, “minimaetmoralia”, “che-Fare”. Ha curato mostre personali e collettive, tra cui: “The Idea of Realism // L’idea del realismo” (2013, con Carl D’Alvia), “Concrete Ghost // Fantasma concreto” (2014), entrambe parte del progetto “Cinque Mostre” presso l’American Academy in Rome; “Amalassunta Collaudi. Dieci artisti e Licini” presso la Galleria d’Arte Contemporanea “Osvaldo Licini” di Ascoli Piceno (2014); “Sironi-Burri: un dialogo italiano (1940-1958)” presso lo spazio CUBO (Centro Unipol Bologna, 2015); “RIFTS_Abate, Angelini, Veres” (Artcore, Bari 2015); “Opera Viva Barriera di Milano” (Torino 2016); “La prima notte di quiete” (i7-ArtVerona, 2016).