Su Sky Arte: la storia di Orry Kelly, il costumista di Hollywood

Portano la sua firma i costumi indossati nei film da star come Marilyn Monroe e Humphrey Bogart. A Orry Kelly è intitolato il documentario in onda su Sky Arte domenica 23 gennaio

Su Sky Arte: la storia di Orry Kelly, il costumista di Hollywood
Su Sky Arte: la storia di Orry Kelly, il costumista di Hollywood

Ripercorre le vicende del costumista australiano più importante della storia del cinema il documentario in onda su Sky Arte domenica 23 gennaio. Intitolata Orry Kelly – Tutte le donne che ho (s)vestito, la pellicola segue le gesta di un professionista fino a poco tempo fa quasi del tutto sconosciuto nel suo Paese d’origine e pressoché dimenticato dal suo Paese d’adozione – gli Stati Uniti –, che fece da cornice al suo successo. Durante gli anni del boom di Hollywood Orry Kelly creò i costumi per ben 282 film, disegnando gli abiti di star del calibro di Marilyn Monroe, Bette Davis, Humphrey Bogart, Rosalind Russell, Errol Flynn e Cary Grant, solo per citarne alcune.

LA CARRIERA DI ORRY KELLY NEL CINEMA

I film a cui lavorò includono A qualcuno piace caldo, Casablanca, Un americano a Parigi e Perdutamente tua. Orry Kelly (Jack per gli amici) vinse tre premi Oscar e fu nominato per il quarto. Fu a capo del dipartimento costumi della Warner Bros. durante il periodo più ricco del cinema americano. Era scandaloso, spiritoso, senza peli sulla lingua e aveva lo straordinario talento di fondere attore e personaggio nei suoi costumi. Grazie a lui, infatti, l’immagine di alcune star guadagnò nuova linfa, contribuendo a implementare la fama e il seguito degli attori che vestì.

Il sito di Sky Arte è powered by Artribune, che ne cura contenuti e interfaccia digitale. Scoprite a questo link le novità di palinsesto e le news che arricchiscono il portale del primo canale televisivo culturale italiano in HD…

https://arte.sky.it/

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Artribune è una piattaforma di contenuti e servizi dedicata all’arte e alla cultura contemporanea, nata nel 2011 grazie all’esperienza decennale nel campo dell’editoria, del giornalismo e delle nuove tecnologie.