Morta Lina Wertmüller, grande regista e icona del cinema italiano

Classe 1928, si è spenta nella notte a Roma. Protagonista del cinema italiano, ha reso grande la commedia nel mondo.

Giancarlo Giannini e Mariangela Melato, Mimì metallurgico ferito nell’onore (Lina Wertmüller, 1972). Courtesy Austrian Film Museum
Giancarlo Giannini e Mariangela Melato, Mimì metallurgico ferito nell’onore (Lina Wertmüller, 1972). Courtesy Austrian Film Museum

All’età di 93 anni si è spenta Lina Wertmüller, icona del cinema italiano, protagonista indiscussa di un’epoca d’oro. Regista, sceneggiatrice, femminista, è stata la prima donna candidata ai Premi Oscar. A dare la notizia della sua scomparsa è stato il sindaco di Roma Roberto Gualtieri con un tweet in cui ricorda la Wertmüller così: “una grande regista che ha realizzato film densi di ironia e intelligenza, la prima donna candidata all’Oscar per la miglior regia”.

CHI ERA LA WERTMULLER

Lina Wertmüller, classe 1928, si è spenta nella notte a Roma. Protagonista del cinema italiano, ha reso grande la commedia nel mondo. La prima donna ad ottenere una nomination come migliore regista protagonista con Pasqualino settebellezze (1976). È stata anche la prima donna ad avere successo in tv con sceneggiati cult come Giornalino di Giamburrasca (1964-65).
Forse non tanti sanno che giovanissima debutta come regista di burattini con la guida di Maria Signorelli, poi scrive per la radio e la televisione dimostrando da subito il suo eloquio comico. La sua formazione cinematografica avviene in prima linea frequentando i set di Federico Fellini. Il suo cuore è presto conquistato dallo scenografo teatrale Enrico Job con cui divide e condivide tutta la carriera artistica e adotta la figlia Maria Zulima.

Lina Wertmüller, 1987. Photo Augusto De Luca. Licenza CC BY SA 2.0 via Flickr
Lina Wertmüller, 1987. Photo Augusto De Luca. Licenza CC BY SA 2.0 via Flickr

IL RAPPORTO CON GIANNINI

A darle notorietà nel 1972 è Mimì metallurgico ferito nell’onore, in cui per la prima volta fa coppia artistica con la sua “musa”, il suo attore feticcio, Giancarlo Giannini. Film che vola al festival di Cannes. La simpatia contagiosa di Lina Wertmuller è leggibile e visibile in film come “Film d’amore e d’anarchia”, “Tutto a posto e niente in ordine”, “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto”, “Pasqualino settebellezze”, titoli che segnano il cinema italiano degli anni ’70 e travolgono critica e pubblico. Negli anni ’80 i temi politici sono ancora più forti come in La fine del mondo…”e “Fatto di sangue tra due uomini…” fino a “Notte d’estate…”. Negli anni ‘90 a portarle fortuna è il sodalizio con Sophia Loren tra tutti con l’ adattamento di “Sabato, domenica e lunedi’ ” da Eduardo e quello con Paolo Villaggio per “Io speriamo che me la cavo” dal romanzo-verita’ di Marcello D’Orta. Lina Wertmuller si è divertita tanto nel suo percorso artistico anche prestandosi come doppiatrice per “Mulan” o come esponente dei “poteri forti” in “Benvenuto Presidente” di Riccardo Milani. Con la sua csomparsa si chiude un cerchio di storia del cinema italiano.

Lina Wertmuller ©2018 Paolo Spadacini_1
Lina Wertmuller ©2018 Paolo Spadacini_1

IL RICORDO DI FRANCESCHINI

“L’Italia piange la scomparsa di Lina Wertmüller, una regista che con la sua classe e il suo stile inconfondibile ha lasciato un segno perenne nella nostra cinematografia e in quella mondiale. Prima regista donna a essere candidata all’Oscar per “Pasqualino settebellezze” nel 1977, premio Oscar alla carriera nel 2020, ha avuto una carriera lunga e intesa, consegnandoci opere alle quale ognuno di noi resterà per sempre legato. Grazie, Lina”.
Così il Ministro della Cultura, Dario Franceschini, nell’apprendere della scomparsa di Lina Wertmüller.
Margherita Bordino
Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival e rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità. È giornalista pubblicista e lavora come freelance. Collabora tra gli altri con Cinematographe.it, la Rivista 8 1/2, fa parte della redazione del programma tv Splendor e coordina Cinecittà Luce Video Magazine.