Antebellum: un film in due tempi da vedere o rivedere

0
304

Si gioca su due diversi piano temporali, questo film che si intitola Antebellum. Pecca un poco di formalismo ma solleva questioni importantissime

XXI secolo. Veronica Henley, sociologa specializzata nei diritti civili, è in Louisiana per il tour promozionale del suo libro La caduta dell’indole mite, in cui porta alla luce le problematiche razziali nell’America trumpiana e incita la comunità femminile afroamericana a conquistare combattendo il proprio posto nella società contemporanea. Lungo un’altra linea temporale, Eden, la stessa Veronica ora nei panni di una schiava in una piantagione di cotone durante la guerra civile americana, viene ridotta al silenzio e alla sottomissione da un manipolo di soldati capeggiati dal senatore della Louisiana Blake Denton.

ANTEBELLUM: ANALISI DEL FILM

Primo lungometraggio di Gerard Bush e Christopher Renz, che ne curano anche la sceneggiatura, Antebellum, pur peccando di qualche leggerezza, è un prodotto cinematografico interessante, che sembra muoversi con dimestichezza tra generi differenti.
Girato completamente in formato panoramico, il film si apre con un piano sequenza di circa 3 minuti capace di restituire con distaccata eleganza tutta la violenza e il pathos di un dramma storico ambientato negli Stati Uniti del Sud durante la Guerra di Secessione.
La narrazione si sposta quindi ai giorni nostri in un’escalation di tensione psicologica degna di un thriller, mentre colpi di scena e indizi inquietanti delineano una contemporaneità apparentemente pacifica ma velatamente minacciosa, la cui atmosfera ricorda molto da vicino l’horror politico di Jordan Peele.

Gerard Bush & Christopher Renz, Antebellum (2020)
Gerard Bush & Christopher Renz, Antebellum (2020)

QUESTIONE RAZZIALE E FORMALISMO

Con grande abilità, Bush e Renz giocano con le due dimensioni spazio-temporali: intrecciano una narrativa spaesante, trovano soluzioni visive d’impatto e formalmente ineccepibili che accompagnano con una colonna sonora potente e dissonante (composta da Nate Wonder e Roman Gianarthur).
Purtroppo il monito di faulkneriana memoria che apre il film (Il passato non è morto. Non è neppure passato) regala troppo didascalicamente allo spettatore gli strumenti per comprendere l’imminente e violenta convergenza dei due piani di realtà, mentre il tema razziale, affrontato con slancio ma senza aggiungere nulla al già detto, tende a perdere forza in favore di una ricerca formale efficace ma forse non del tutto finalizzata allo scopo.

– Giulia Pezzoli

USA, 2020 | Genere: thriller, horror
Regia e sceneggiatura: Gerard Bush & Christopher Renz
Cast: Janelle Monae, Jena Malone, Jack Huston, Eric Lange
Durata: 105′

Articolo pubblicato su Artribune Magazine #61

Abbonati ad Artribune Magazine
Acquista la tua inserzione sul prossimo Artribune

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Giulia Pezzoli
Giulia Pezzoli (Bologna 1978) si occupa di arte contemporanea dal 2003. Ha lavorato per la Fondazione Querini Stampalia di Venezia, per la 50esima Biennale d'Arte di Venezia, per il Centro d'Arte Contemporanea di Villa Manin e per il MAMbo di Bologna per cui tutt'ora lavora. Scrive d'arte e di cinema da diversi anni.