Mostra del Cinema. Bong Joon-Ho presidente di giuria a Venezia 78

Dopo Cate Blachett sarà il regista Bong Joon-Ho a presiedere la giuria della 78esima Mostra del Cinema di Venezia che assegnerà il Leone d’Oro per il miglior film e gli altri premi ufficiali. È il regista del celebratissimo Parasite, Snowpiercer, Memorie di un assassino.

Bong Joon ho
Bong Joon ho

Belle notizie dal fronte cinema o meglio, festivaliero. Il regista sudcoreano Bong Joon-Ho ha accettato di presiedere la giuria ufficiale della 78esima Mostra del Cinema di Venezia prevista per il periodo 1-11 settembre 2021 al Lido di Venezia. È una gioia ricevere questa notizia soprattutto in questi mesi così bui per la sala cinematografica. Bong Joon-Ho ha vinto il Premio Oscar con Parasite nel 2020 e questo stesso film, che potrebbe essere classificato come di nicchia, in Italia ha incassato in totale più di 5,6 milioni di euro. La Mostra del Cinema di Venezia esce da una gloriosa 77esima edizione, in quanto non solo è riuscita a svolgersi in presenza, con un sistema di sicurezza ben studiato e gestito, ma è riuscito sempre rispettando le varie norme anti-Covid a vivere una parentesi di quasi normalità presentando alla stampa e agli addetti ai lavori film di cui in tanti ora parlano e che potrebbero essere anche in nomination ai prossimi Oscar, tra tutti Notturno di Gianfranco Rosi, scelto a rappresentare l’Italia come film in lingua straniera, e Pieces of Woman che potrebbe vedere trionfare a Hollywood l’attrice Vanessa Kirby. Tornando alla notizia che riguarda Bong Joon-Ho, è doppiamente felice in quanto conferma anche a livello internazionale la volontà di pensare in grande per il cinema, almeno per l’autunno 2021.

Bong Joon ho
Bong Joon ho

LE DICHIARAZIONI DI BOH JOON-HO

Bong Joon-Ho nell’accettare la proposta, come si legge nella nota stampa, ha dichiarato: “La Mostra di Venezia porta con sé una lunga e ricca storia, e sono onorato di essere coinvolto nella sua meravigliosa tradizione cinematografica. Come presidente della Giuria – e soprattutto come incorreggibile cinefilo – sono pronto ad ammirare e applaudire tutti i grandi film selezionati dal festival. Sono pieno di autentica gioia e di speranza”. Alle sue parole si aggiungono quelle del Direttore Artistico Alberto Barbera che ha detto: “La prima, bella notizia della 78a edizione della Mostra del Cinema di Venezia è che Bong Joon-ho ha aderito con entusiasmo alla proposta di presiederne la Giuria. Il grande regista coreano è oggi una delle voci più autentiche e originali del cinema d’autore mondiale. Gli sono immensamente grato per aver accettato di mettere la sua passione di cinefilo attento, curioso e privo di pregiudizi, al servizio del nostro festival. È un piacere e un onore poter condividere la felicità di questo momento con i tantissimi ammiratori dei suoi film straordinari, disseminati ovunque. La scelta di affidare la Giuria, per la prima volta nella sua storia, alla guida di un cineasta coreano è anche la conferma che l’appuntamento veneziano guarda al cinema di tutto il mondo, e che i registi di ogni Paese sanno di poter trovare a Venezia la loro seconda casa”.

BONG JOON-HO IL REGISTA DELLA COMMEDIA NERA

Bong Joon-ho è un regista che coltiva una certa passione per la commedia nera. Con la famiglia Park e la famiglia Kim ha conquistato tutta la macchina cinema da oriente a occidente fino al palco degli Oscar, giocando con il contrasto tra povertà e ricchezza, tra volontà e astuzia. Con il suo cinema, e non nell’ultima ora, ha sempre avuto molta attenzione alla stessa maniera per chi ha il potere e per chi lo subisce, studiando l’organizzazione sociale, gli scontri e l’emarginazione. Adesso è chiamato a “dirigere” una delle giurie più importanti del cinema, che sarà rivelata nel suo completo più sotto data, chiamata a individuare i lungometraggi in Concorso ai quali saranno assegnati i seguenti premi ufficiali: Leone d’Oro per il miglior film, Leone d’Argento – Gran Premio della Giuria, Leone d’Argento – Premio per la migliore regia, Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile, Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile, Premio per la migliore sceneggiatura, Premio Speciale della Giuria, Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergente.

Margherita Bordino

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival e rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità. È giornalista pubblicista e lavora come freelance. Collabora tra gli altri con Cinematographe.it, la Rivista 8 1/2, fa parte della redazione del programma tv Splendor e coordina Cinecittà Luce Video Magazine.