David di Donatello 65. Tutte le candidature: ben 18 per Il traditore di Marco Bellocchio

Annunciate le nomination della 65esima edizione dei David di Donatello 2020. L’Accademia del Cinema Italiano svela le cinquine in attesa della cerimonia del prossimo 3 aprile trasmessa in diretta su Rai1

Il traditore di Marco Bellocchio - ph. ©Fabio Lovino
Il traditore di Marco Bellocchio - ph. ©Fabio Lovino

Il traditore di Marco Bellocchio con 18 candidature è il film con il maggior numero di candidature alla 65esima edizione dei David di Donatello. Seguono Il primo re di Matteo Rovere e Pinocchio di Matteo Garrone. I film nominati nelle cinquine principali, e quindi Migliore Film e Migliore regia, sono lo specchio del nostro Paese, della capacità – e non solo degli ultimi anni – di sapere raccontare la nostra storia, anche artistica, e di saperlo fare a livello internazionale. Piera Detassis, presidente dell’Accademia del Cinema italiano, ha annunciato i film candidati insieme al direttore di Rai 1 Stefano Coletta e al conduttore della cerimonia del David Carlo Conti.

IL NUOVO CORSO DEI DAVID

I David di Donatello sono in fase di “ristrutturazione”. Piera Detassis è la riformatrice per eccellenza del più importante riconoscimento italiano del cinema che, dopo avere rivisto la giuria votante, punta a ristudiare le categorie provando a inserire nel regolamento anche quelle professionalità che contribuisco alla realizzazione dell’intrattenimento audiovisivo. I David di Donatello daranno spazio alle serie tv? Saremo a vedere. Intanto un dato certo, che viene fuori dai candidati del 2020, è che il nostro cinema è giovane. Giovane per come si intende in Italia, ovvero moltissimi candidati anno dai 22 ai 45 anni, compresi i candidati alla Migliore regia come Matteo Rovere, Claudio Giovannesi e Pietro Marcello. L’assenza di donne nelle due cinquine principali è evidente ma anche un dato di fatto che non riguarda l’Accademia dei David ma la produzione. Forse nel 2021 vedremo film diretti da donne in questi mesi impegnate sul set.
In attesa di conoscere quali saranno gli ospiti internazionali alla 65esima edizione dei David di Donatello e chi vincerà come migliore cinema italiano dell’anno, due premi sono già noti: Miglior film straniero è Parasite di Bong Joon-Ho e Miglior corto è Inverno di Giulio Mastromauro.

– Margherita Bordino

TUTTE LE CANDIDATURE AI DAVID DI DONATELLO 65

MIGLIOR FILM

Il Primo Re di Matteo Rovere
Il Traditore di Marco Bellocchio
La paranza dei bambini di Claudio Giovannesi
Martin Eden di Pietro Marcello
Pinocchio di Matteo Garrone

MIGLIOR REGISTA

Matteo Rovere (Il Primo Re)
Marco Bellocchio (Il traditiore)
Claudio Giovannesi (La paranza dei bambini)
Pietro Marcello (Martin Eden)
Matteo Garrone (Pinocchio)

MIGLIOR REGISTA ESORDIENTE

Igort (5 è il numero perfetto)
Phaim Bhuiyam (Bangla)
Leonardo D’Agostini (Il campione)
Marco d’Amore (L’immortale)
Carlo Sironi (Sole)

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE

Bangla – Phaim Bhuiyan, Vanessa Picciarelli
Il primo re – Filippo Gravino, Francesca Maniero, Matteo Rovere
Il traditore – Marco Bellocchio, Ludovica Rampoldi, Valia Santella, Francesco Piccolo
La dea fortuna – Gianni Romoli, Silvia Ranfagni, Ferzan Ozpetek
Ricordi? – Valerio Mieli

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE

Il sindaco del rione Sanità – Mario Martone, Ippolita Di MAjo
La famosa invasione degli orsi in Sicilia – Thomas Bidegain, Jean-Luc Fromental, Lorenzo Mattotti
La paranza dei bambini – Maurizio Braucci, Roberto Saviono, Claudio Giovannesi
Martin Eden – Maurizio Braucci, Pietro Marcello
Pinocchio – Matteo Garrone, Massimo Ceccherini 

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

Valeria Bruni Tedeschi (I villeggianti)
Jasmine Trinca (La dea fortuna)
Isabella Ragonese (Mio fratello rincorre i dinosauri)
Linda Caridi (Ricordi?)
Lunetta Savino (Rosa)
Valeria Golino (Tutto il mio folle amore)

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

Toni Servillo (5 è il numero perfetto)
Alessandro Borghi (Il primo re)
Francesco Di Leva (Il sindaco del rione Sanità)
Pierfrancesco Favino (Il traditore)
Luca Marinelli (Martin Eden) 

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Valeria Golino (5 è il numero perfetto)
Anna Ferzetti (Domani è un altro giorno)
Tania Garribba (Il primo re)
Maria Amato (Il traditore)
Alida Baldari di Calabria (Pinocchio)

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

Carlo Buccirosso (5 è il numero perfetto)
Stefano Accorsi (Il campione)
Fabrizio Ferracane (Il traditore)
Luigi Lo Cascio (Il traditore)
Roberto Benigni (Pinocchio)

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival e rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità. È giornalista pubblicista e lavora come freelance. Collabora tra gli altri con Cinematographe.it, la Rivista 8 1/2, fa parte della redazione del programma tv Splendor e coordina Cinecittà Luce Video Magazine.