Berlinale 2020: Orso d’Oro a There is no evil, Elio Germano miglior attore con il suo Ligabue

Da Favolacce dei fratelli D’Innocenzo a Volevo nascondermi di Giorgio Diritti, dal sodalizio artistico tra Abel Ferrara e Willem Dafoe all’Orso d’oro alla carriera ad Helen Mirren. La Berlinale 2020 è stata una vera festa di cinema indipendente, popolare e ricercato. L’Orso d’Oro va a There is no evil

Volevo nascondermi. Elio Germano @ Chico De Luigi
Volevo nascondermi. Elio Germano @ Chico De Luigi

Mano nella mano, Damiano e Fabio D’Innocenzo sfilano sul red carpet della cerimonia di chiusura della Berlinale numero 70 e sul tappeto rosso ci sono anche Elio Germano insieme al regista Giorgio DirittiFavolacce Volevo nascondermi sono i due film italiani che erano presenti nel Concorso di questa edizione e che da subito hanno conquistato pubblico e stampa, per il loro essere sincera indagine dell’animo umano, che si tratti di famiglia e comunità o di persone emarginate. La Berlinale 2020 è stata una grande festa per il cinema italiano. Ne sarà sicuramente orgoglioso il neodirettore artistico Carlo Chatrian. In questa edizione il cinema in generale ha fatto da padrone andando oltre al glamour, ancora più degli altri anni.

There is no evil di Mohammad Rasoulof
There is no evil di Mohammad Rasoulof

CLANDESTINITÀ E MITOLOGIA

“Non c’è un muro nel mondo che può fermare la nostra immaginazione, le nostre idee, il nostro credo, il nostro amore”. L’Orso d’Oro 2020 va a There is no evil, un film che per volontà del suo regista Mohammad Rasoulof parla al cuore e alla mente di chi ha voglia di interrogarsi sulla pena di morte. Un film in quattro atti. Quattro storie legate tra di loro in modo sottile e intelligente da un tremendo destino. Mohammad Rasoulof ha girato il suo There is no evil in totale clandestinità, senza alcuna autorizzazione né prima né dopo, e per questo motivo gli è stato vietato anche di presentare il film al di fuori dei confini dell’Iran. Tra i film più belli della Berlinale 70 è sicuramente Undine del regista tedesco Christian Petzold, un racconto che oscilla tra amore, mito, fiaba. Petzold torna al festival con gli stessi attori del suo ultimo film in concorso alla stessa Berlinale, Transit, e quindi Paula Beer (Orso d’argento come Migliore Attrice) e Franz Rogowski, nuovamente protagonisti di una storia d’amore. Undine è una storia ambientata nel presente ma è la rilettura del mito dello spirito delle acque, una semi-divinità femminile che uccide chi le si avvicina. Sul film Petzold ha detto: “l’idea del film, che mi ronzava in testa da un po’, ha preso vita e forma più precisa in un bar dove stavo con questi due magnifici attori con cui avevo appena lavorato ma con cui non vedevo l’ora di lavorare di nuovo. Era un po’ che mi interessava capire come portare sullo schermo una favola, una leggenda, calandola in un mondo che di magico non ha più nulla”.

La terra dell’abbastanza dei fratelli D'Innocenzo
La terra dell’abbastanza dei fratelli D’Innocenzo

GLI EREDI DI PASOLINI

I fratelli D’Innocenzo hanno debuttato proprio alla Berlinale, edizione 2018 e con La terra dell’abbastanza, lo stesso film con cui sono stati in lizza anche ai David di Donatello dove non hanno reagito bene quando a “soffiargli” la statuetta è stato un altro regista, Alessandro Cremonini con Sulla mia pelle. In quella occasione hanno compiuto un gesto di ribellione abbastanza brutto, bruciando la pergamena della loro candidatura ai David – postando una foto sui social e poi eliminandola. Andando oltre questo fattaccio, oggi dobbiamo essere tutti contenti che il loro talento sia stato riconosciuto e a livello internazionale con la Migliore Sceneggiatura per Favolacce, opera seconda. Un film che li mostra ancora più inseparabili nella vita e nel lavoro. Già dal titolo, Favolacce, è inevitabile non pensare a Pasolini, e i fratelli D’Innocenzo potrebbero in effetti esserne dei degni eredi cinematografici. Così hanno detto loro stessi del film in conferenza stampa: “è difficile trovare parole sintetiche e abbastanza efficaci per descrivere i temi che volevamo affrontare nel nostro secondo progetto. Anche perché abbiamo scelto di usare le immagini per raccontare la storia piuttosto che la sola scrittura. La scrittura è troppo precisa, troppo inequivocabile. E non bastava per questa storia. C’è molto silenzio nel film e, paradossalmente, quando i personaggi parlano comunicano ancora meno di quando stanno in silenzio. Disagio, solitudine e apprensione trovano il loro luogo ideale all’interno delle famiglie di Favolacce: la casa – ciò che siamo soliti pensare come un nido, sebbene forse teneramente limitante – diventa nella storia il posto in cui convivono intolleranza, freddezza e ansia. Basta dare un’occhiata alle statistiche sui casi di violenza domestica per renderci conto di quanto questo corrisponda purtroppo a verità. Volevamo indagare sull’interruzione di comunicazione di queste famiglie, immerse nella stagnazione di sterili abitudini, dove forse solo le tragedie hanno la capacità di scuotere le cose”.

Volevo nascondermi con Elio Germano
Volevo nascondermi con Elio Germano

PENETRANTE GERMANO-LIGABUE

Elio Germano è il grande protagonista della Berlinale 2020 e protagonista assoluto di Volevo nascondermi e tra i principali attori anche di Favolacce. La sua mimesi straordinaria per diventare Antonio Ligabue, per la quale ha ricevuto l’Orso d’Argento come Migliore attore, non si dimenticherà facilmente e non appena il film uscirà nelle sale italiane il pubblico potrà conoscere meglio un grande artista come “el matto” Ligabue che ha fatto della sua emarginazione una grandissima fonte di ispirazione e colore. Elio Germano per calarsi nel ruolo è stato aiutato dal trucco calibrato e non posticcio di Lorenzo Tamburini, un grande supporto al suo talento che in Volevo nascondermi è visibile non tanto nel fisico quanto nello sguardo intenso e penetrante che comunica tutta la sofferenza, la solitudine e il bisogno d’amore – di dare e ricevere – del pittore. Germano durante la conferenza stampa della Berlinale ha detto: “un personaggio che mi ha subito colpito per la sua energia vitale, la volontà di essere se stesso contro tutto e tutti e, con la sua fragilità, col suo essere sbagliato, con la sua diversità, di trovare una forma di dignità in questo senza accettare mai nessun compromesso”.

– Margherita Bordino

TUTTI I PREMI DELLA BERLINALE 2020

ORSO D’ORO

Sheytan Vojud Nadarad (There is no evil), Mohammad Rasoulof

ORSO D’ARGENTO GRAN PREMIO DELLA GIURIA

Eliza Hittman, Never Rarely Sometimes Always

ORSO D’ARGENTO MIGLIOR REGIA

Hong Sang-soo, The Woman Who Ran

ORSO D’ARGENTO MIGLIORE ATTRICE

Paula Beer, Undine

ORSO D’ARGENTO MIGLIORE ATTORE

Elio Germano, Hidden Away

ORSO D’ARGENTO MIGLIOR SCENEGGIATURA

Bad Tales, dirs: Damiano & Fabio D’Innocenzo

ORSO D’ARGENTO MIGLIOR CONTRIBUTO ARTISTICO

Jurgen Jurges for the cinematography in DAU. Natasha

ORSO D’ARGENTO PREMIO SPECIALE 70ESIMA EDIZIONE BERLINALE

Delete History, dirs: Benoît Delépine and Gustave Kerven

INCONTRI

MIGLIOR FILM

The Works And Days (Of Tayoko Shiojiri In The Shiotani Basin), dirs: CW Winter and Anders Edström

PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA

The Trouble With Being Born, dir: Sandra Wollner

MIGLIOR REGIA

Cristi Puiu, Malmkrog

Matías Piñeiro, Isabella (Special Mention)

BERLINALE DOCUMENTARY AWARD

Irradiated, dir: Rithy Panh

Notes From The Underworld, dirs: Tizza Covi and Rainer Frimmel (Special Mention)

GWFF BEST FIRST FEATURE AWARD

Los Conductos, dir: Camilo Restrepo

Naked Animals, dir: Melanie Waelde (Special Mention)

GOLDEN BEAR BEST SHORT FILM

T, dir: Keisha Rae Witherspoon

SILVER BEAR JURY PRIZE SHORT FILM

Filipiñana, dir: Rafael Manuel

SHORT FILM AWARD

Genius Loci, dir: Adrien Mérigeau

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival e rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità. È giornalista pubblicista e lavora come freelance. Collabora tra gli altri con Cinematographe.it, la Rivista 8 1/2, fa parte della redazione del programma tv Splendor e coordina Cinecittà Luce Video Magazine.