Edison, Skate Kitchen e Il mangiatore di pietre: i film della settimana

Tre film da non perdere questa settimana. Da Edison, l’uomo che illuminò il mondo alle ragazze dello skateboard, ecco i nostri consigli per un week end all’insegna del cinema.

Edison - L'uomo che illuminò il mondo
Edison – L’uomo che illuminò il mondo

Chi ha definito il sistema elettrico del nuovo secolo? Girl power al comando si o no, e perché? Cosa può fermare un uomo disperato nella ricerca di una vendetta? Al cinema questa settimana ci sono tre film di grande potenza. Uno riguarda l’elettricità ed è legato in un certo senso al tanto chiacchierato “caso Weinstein”; uno è un’indagine generazionale ed etnografica non indifferente, che si rivolge a un pubblico molto vasto; l’altro è un film italiano di genere dove giallo e documentario fanno a schiaffi per contendersi la migliore definizione. Tutti e tre hanno una luce, una fotografia molto particolare che diventa l’anima dei film stessi. Qui i consigli cinematografici della settimana.

Margherita Bordino

1. EDISON – L’UOMO CHE ILLUMINÒ IL MONDO

Edison – L’uomo che illuminò il mondo

Sostenuto da J.P. Morgan, Thomas Alva Edison abbaglia il mondo illuminando Manhattan, ma George Westinghouse, aiutato da Nikola Tesla, riesce ad individuare alcuni pesanti difetti nel suo sistema a corrente continua. Scatenando una vera “guerra della corrente”, Westinghouse e Tesla puntano tutto sul sistema a corrente alternata, una scelta rischiosa e pericolosa. “Edison – L’uomo che illuminò il mondo” è un film di Alfonso Gomez-Rejon che ripercorre la storia dell’epica e spietata competizione tra i due più grandi inventori dell’era industriale per stabilire quale dei due sistemi elettrici avrebbe dominato il nuovo secolo. Un film dal cast stellare. Con Benedict Cumberbatch, Michael Shannon, Nicholas Hoult e anche Katherine Waterston, Tom Holland, Matthew Macfadyen e Tuppence Middleton. In sala con 01 Distribution, “Edison – L’uomo che illuminò il mondo” era pronto già nell’autunno del 2017, quando fu presentato a diversi festival. L’allora producer Harvey Weinstein preferì supervisionarne un nuovo montaggio prima della distribuzione mondiale. In seguito, lo scoppio del “caso Weinstein” gettò il film di Alfonso Gomez-Rejon in un limbo durato fino ad oggi.

2. SKATE KITCHEN

The Skate Kitchen

È la storia di Camille, una giovane ed introversa ragazza di Long Island che incontra un gruppo di ragazze skater newyorkesi che si fanno chiamare Skate Kitchen. Camille diventa presto un membro del gruppo, litiga con la madre e si innamora di un misterioso skater, scoprendo che una relazione con lui sarà più complicata da gestire di un’acrobazia con la tavola. “Skate Kitchen” è un film straordinario che in Italia si è fatto conoscere già nell’autunno scorso con Alice nella Città. Un film dal chiaro tratto femminista in cui il girl power non è un potere eccessivo ma necessario. Alla regia Crystal Moselle che conferma la sua vocazione per la ricerca etnografica e per l’attenta osservazione delle dinamiche sociali, quelle dinamiche che si insidiano in forma viziata già a partire dall’adolescenza. “Skate Kitchen” non è un film per soli ragazzi, è un film che parla a tutti, che lancia un messaggio di “aiuto” ed educazione all’altro, al vivere in serenità senza gelosie o cattive competizioni. Al cinema con Zenit Distribution.

3. IL MANGIATORE DI PIETRE

Il mangiatore di pietre

Siamo in Piemonte, in una valle ai confini con la Franica. In una notte di autunno dalle acque di un torrente emerge il corpo senza vita di un uomo, ucciso da due colpi di fucile. A rinvenire il cadavere è Cesare ex contrabbandiere e trafficante di esseri umani, e il morto non è altro che Fausto, suo nipote che lui stesso aveva introdotto sulla strada della criminalità. Quando Fausto aveva deciso di dedicarsi al narcotraffico dall’Italia alla Svizzera, i due si erano persi completamenti di vista. Le indagini vengono affidate al maresciallo Boerio e Cesare con il suo passato e la sua attuale vita quasi eremitica viene immediatamente inserito tra i sospettati, nonostante si dichiari innocente. L’unica che sembra credergli è la commissaria Sonia Di Meo, anche perché Cesare è deciso a trovare l’omicida del suo figlioccio e vendicare la sua morte. Il mangiatore di pietre è un film diretto da Nicola Bellucci con protagonista Luigi Lo Cascio e tratto dall’omonimo libro di Davide Longo. Un film dal ritmo lento in cui il bene e il male si sfidano. Un ibrido perfetto tra film di genere e impostazione documentaristica.  In sala con Achab Film.

 

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival e rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità. È giornalista pubblicista e lavora come freelance. Collabora tra gli altri con Cinematographe.it, la Rivista 8 1/2, fa parte della redazione del programma tv Splendor e coordina Cinecittà Luce Video Magazine.