Ricordi?, La conseguenza e Dafne: amore e convivenza. 3 film da non perdere al cinema

Il cinema italiano non brilla certo di grandi incassi ma propone al cinema in questi giorni film degni di nota e di grande riflessione. Dal fronte internazionale la Marvel la fa da padrone ma un salto nel tempo potrebbe essere più coinvolgente di alche super potere!

Ricordi
Ricordi

Ci sono al cinema ben 18 nuovi film. Dovranno fare i conti con Captain Marvel che oltre a detenere il record di incassi delle ultime settimane, sembra essere vera fonte di attrazione per tutte le generazioni. A tenere testa a questo successo tutto americano ci sono diversi film italiani e tra questi sono assolutamente da segnalare due film che hanno un romanticismo nascosto e che riguardano tutti noi: Ricordi? e Dafne. Mentre tra i titoli internazionali c’è un film storico e fantasia, di unione e di convivenza che nasce da un libro incredibilmente visivo e umano, La conseguenza. Qui i nostri consigli cinematografici della settimana.

Margherita Bordino

1. RICORDI?

Ricordi

“Ricordi?”, presentato durante la 75esima Mostra del Cinema di Venezia, è una storia d’amore di due ragazzi, Lui e Lei, interpretati da Luca Marinelli e Linda Caridi. La loro è una storia che cambia nel corso del tempo e raccontata attraverso i ricordi. Vediamo i due personaggi insieme e divisi, felici, infelici, innamorati tra loro e poi di altri. Il film segue due soggettive diverse, quella femminile e quella maschile. Quelle di due persone che vivono un amore in modo diverso anche se apparentemente uguale. Valerio Mieli, il regista, fa un lavoro attento e scrupoloso di scrittura che segue binari diversi tra passato, presente e futuro, creando magia, nostalgia, festa e disturbo ai due personaggi e a chi segue il racconto del film che altro non è che un racconto universale per tutti. Al cinema con BIM Distribuzione.

2. LA CONSEGUENZA

La conseguenza

È il 1945 e siamo ad Amburgo. Rachael e Lewis Morgan si sono appena trasferiti in Germania. Lui è un alto comandante dell’esercito inglese e gli viene assegnata come dimora una villa di Stefan Lubert, celebre architetto fallito. Lubert subisce l’esproprio con dignità a differenza della figlia quattordicenne. Lewis fa un grande atto di umiltà acconsentendo a padre e figlia di continuare a vivere lì. Rachael non comprende la generosità del marito, dal momento che i tedeschi sono i responsabili di un grave lutto nella loro famiglia. La convivenza con il “nemico” porterà però a grandi sorprese. “La conseguenza” è un melò, basato sul best seller “The Aftermath” dello scrittore gallese Rhidian Brook. Una avventura iper romantica e rivoluzionaria in sala con 20th Century Fox.

3. DAFNE

Dafne

“Dafne” è una trentacinquenne portatrice della sindrome di Down che vive ancora con i suoi genitori. Quando la mamma muore gli equilibri familiari e la tranquillità vanno in mille pezzi. Il padre entra in una profonda crisi mentre Dafne deve fare i conti con una perdita troppo grande e con un genitore da consolare e sorreggere. Un giorno Dafne e il padre decidono di fare un percorso a piedi insieme verso il paese natale della mamma. Durante il cammino metteranno a nudo la loro anime e scopriranno cose dell’uno e dell’altro che non sapevano prima. Federico Bondi è il regista di questo delizioso film. L’idea gli è venuta un giorno in strada quando ha visto un padre anziano insieme a una figlia affetta dalla sindrome di Down e ha iniziato a chiedersi come potesse essere la loro vita. Il film presentato alla Berlinale 2019, arriva in sala con Istituto Luce Cinecittà.

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Margherita Bordino
Classe 1989. Calabrese trapiantata a Roma, prima per il giornalismo d’inchiesta e poi per la settima arte. Vive per scrivere e scrive per vivere, se possibile di cinema o politica. Con la valigia in mano tutto l’anno, quasi sempre in giro per il Belpaese tra festival e rassegne cinematografiche o letterarie. Laureata in Letteratura, musica e spettacolo, e Produzione culturale, giornalismo e multimedialità. È giornalista pubblicista e lavora come freelance. Collabora tra gli altri con Cinematographe.it, la Rivista 8 1/2, fa parte della redazione del programma tv Splendor e coordina Cinecittà Luce Video Magazine.