MigrArti, il premio del Ministero della Cultura per favorire il dialogo interculturale. I bandi

Torna anche quest’anno MigrArti, il premio giunto alla sua terza edizione e promosso dal Mibact per incentivare il dialogo interculturale e l’integrazione degli immigrati residenti in Italia. Stanziati un milione e mezzo di euro per il finanziamento di progetti cinematografici e teatrali. Per partecipare c’è tempo fino al 10 gennaio

Jululu, 2017, diretto da Michele Cinque
Jululu, 2017, diretto da Michele Cinque

C’è tempo fino al 10 gennaio per partecipare a MigrArti, il premio promosso dal Ministero dei Beni Culturali con l’obiettivo di contribuire alla valorizzazione delle culture di provenienza delle comunità di immigrati residenti in Italia e allo sviluppo del dialogo interculturale e dell’inclusione sociale. Giunto alla sua terza edizione, anche quest’anno il premio prevede due sezioni: Cinema e Spettacolo.

IL PROGETTO

Il progetto MigrArti è nato nel 2016 con l’obiettivo di coinvolgere le comunità di immigrati residenti in Italia, con una particolare attenzione ai giovani di seconda generazione che fanno ormai parte del tessuto sociale italiano dal punto di vista economico, culturale e lavorativo. Come nelle precedenti edizioni, il bando “Spettacolo” è aperto a progetti di teatro, danza e musica, mentre quello “Cinema” a rassegne, cortometraggi e documentari. Dopo il successo di critica e pubblico ottenuto dai cortometraggi di MigrArti alla 74. Mostra del Cinema di Venezia – che ha visto l’opera di Jululu di Michele Cinque vincere il premio per la migliore regia –dalle performance teatrali a Pistoia Capitale italiana della cultura, il Ministero dei Beni Culturali ha rinnovato il sostegno alla creatività dei nuovi italiani con un milione e mezzo di euro per finanziare i progetti di cinema e spettacolo. “MigrArti”, spiega il Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, “aiuta l’espressione creativa delle tante culture e comunità presenti nel nostro Paese e ne favorisce la conoscenza, facilitando il confronto e l’integrazione”.

Jululu, 2017, regia di Michele Cinque
Jululu, 2017, regia di Michele Cinque

LA TERZA EDIZIONE: RITORNI, NOVITÀ E COLLABORAZIONI

La terza edizione di MigrArti conferma la Menzione Speciale Sceneggiatura Corti G2 che favorirà la circolazione dei progetti realizzati da giovani artisti (tra i 18 e i 28 anni) nei principali Festival  nazionali, così come il premio MigrArti Spettacolo, un vero e proprio festival che si terrà a Palermo, Capitale italiana della Cultura 2018.  In collaborazione con la RAI, ritorna anche quest’anno il Premio MigrArti Cartoon, che consentirà il finanziamento di un corto di animazione e darà la possibilità agli autori di presentare i progetti al festival Cartoons on the Bay 2018. Confermata inoltre la sezione MigrArti alla Mostra del Cinema di Venezia, dove verrà annunciato anche il vincitore del Premio Anno del Patrimonio Culturale MigrArti 2018, assegnato al cortometraggio che nel raccontare storie di integrazione ha saputo meglio rappresentare e valorizzare il patrimonio culturale europeo. Lo stesso premio, per la sezione spettacolo, verrà assegnato nel contesto del Premio MigrArti Spettacolo.

PER PARTECIPARE AI BANDI

Per la sezione Cinema, sono ammessi alla partecipazione del bando rassegne e progetti cinematografici che trattino il tema dell’integrazione degli stranieri in Italia, in particolare delle seconde generazioni. Per la sezione Spettacolo, i progetti artistici presentati dovranno essere inediti e finalizzati alla rappresentazione pubblica, prevedendo un percorso a carattere laboratoriale con la partecipazione e il coinvolgimento di immigrati, in particolare di giovani di seconda generazione in ruoli creativi e di rilievo nell’interpretazione ed esecuzione del lavoro proposto. Le richieste di contributo per i progetti di cinema dovranno essere presentate utilizzando la piattaforma informatica online disponile sui siti www.cinema.beniculturali.it e www.beniculturali.it; per i progetti di spettacolo, invece, dovranno essere utilizzati i modelli di presentazione delle domande presenti sul sito www.spettacolodalvivo.beniculturali.it. Le domande per i due bandi  MigrArti Cinema e MigrArti Spettacolo sono scaricabili al link www.beniculturali.it/migrarti2018 e possono essere presentate fino al 10 gennaio.

– Desirée Maida

www.migrarti.it

Iscriviti alla nostra newsletter
CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Ha scritto per testate siciliane e di settore, collaborato con gallerie d’arte e curato mostre di artisti emergenti presso lo Spazio Cannatella di Palermo. Oggi fa parte dello staff di direzione di Artribune e cura per realtà private la comunicazione di progetti artistici e culturali.