Lo Strillone: il sabotaggio di Erri De Luca come la pipa di Magritte su La Repubblica. E poi la società delle icone di Hans Belting, Museo della Civiltà Romana

Magritte in tribunale. Su La Repubblica Francesco Merlo fornisce un’inattesa lettura “artistica” dell’assoluzione a Torino di Erri De Luca: con la quale diventa “vintage la figura stessa del ‘cattivo maestro’ che la bellissima sentenza di Torino archivia tra ‘le buone cose di pessimo gusto’ della vecchia Italia di almeno trent’anni fa”. Artistica? Sì, perché il […]

Quotidiani
Quotidiani

Magritte in tribunale. Su La Repubblica Francesco Merlo fornisce un’inattesa lettura “artistica” dell’assoluzione a Torino di Erri De Luca: con la quale diventa “vintage la figura stessa del ‘cattivo maestro’ che la bellissima sentenza di Torino archivia tra ‘le buone cose di pessimo gusto’ della vecchia Italia di almeno trent’anni fa”. Artistica? Sì, perché il commentatore tira in ballo nientemeno che Renè Magritte e la sua opera che in altri tempi fu al centro di un intero saggio di Michel Foucault: “la sentenza ha stabilito che la parola ‘sabotaggio’ pronunziata da Erri De Luca non è un sabotaggio, e che la parola ‘cesoie’ non taglia reti e non tronca binari: ‘Questa non è un pipa’ scrisse Magritte sotto il dipinto di una pipa”.

Benvenuti nella società delle icone. Sul Corriere della Sera Pierluigi Panza intervista il vincitore del premio Balzan 2015 Hans Belting sull’evoluzione dei nuovi media: “L’Isis distrugge i simboli per umiliare l’Occidente. II culto delle immagini oggi pervade ogni cosa. E cancella i testi. Anche nel passato l’immagine ha avuto un importante ruolo sociale, non dico di idolatria, ma sicuramente di culto. Oggi c’è un nuovo ruolo dell’immagine perché attraverso i mass media sono diventate omnipervasive. In passato servivano come illustrazioni, soprattutto di testi; oggi siamo di fronte a una rottura con il passato proprio a causa dell’importanza assunta dai mass media”. Ancora Corriere, ma sul dorso romano, per scoprire che “il Museo all’Eur La Civiltà Romana non riapre in tempo per il Giubileo. A novembre ci dovrebbe essere la sentenza del Tar per l’aggiudicazione dei lavori. Per non privare completamente i visitatori della collezione si sta pensando di trasferire i pezzi più importanti in un’altra struttura”.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.