Anteprima di Vertigo Truth. 22 artisti internazionali dipingono sculture e roulotte della Mutoid Waste Company, a Santarcangelo di Romagna

Mutonia è un luogo unico, utopico anche nel nome. Un posto in cui arte e vita si intrecciano con valori universali come la pace, la condivisione, l’amicizia, il rispetto dell’ambiente, l’arte del riciclo. È un villaggio di artisti nomadi, nato nei primi anni ’90 a Santarcangelo di Romagna, con l’arrivo della Mutoid Waste Company, invitata […]

Vertigo Truth, Santarcangelo di Romagna, 2015 - sue_e_side e dem

Mutonia è un luogo unico, utopico anche nel nome. Un posto in cui arte e vita si intrecciano con valori universali come la pace, la condivisione, l’amicizia, il rispetto dell’ambiente, l’arte del riciclo. È un villaggio di artisti nomadi, nato nei primi anni ’90 a Santarcangelo di Romagna, con l’arrivo della Mutoid Waste Company, invitata dal Festival dei Teatri. Grazie al successo dei loro spettacoli, popolati da sculture meccaniche e installazioni di rottami, la comunità – arricchitasi nel tempo di nuovi artisti – si è stabilita in città, creando attraverso i suoi laboratori uno scambio continuo con il territorio.
Oggi questa collaborazione di oltre 25 anni è stata suggellata da un riconoscimento ufficiale: dopo varie traversie e minacce di sfratto, Mutonia è un vero parco di sculture, una mostra a cielo aperto lungo il fiume Marecchia, visitabile tutto l’anno. E a regalargli  un respiro ancora più internazionale è il progetto VertigoTruth, a cura di Allegra CorboSu_e_Side, realizzato in collaborazione con Caparol, che sarà inaugurato il 10 luglio nel programma del Festival Santarcangelo dei Teatri. Tutto ruota intorno all’incontro tra gli abitanti di Mutonia e 22 artisti della scena street, provenienti da varie parti del mondo (Gola, Ericailcane,RUN, Bastardilla, Andreco, Tracey Pica Pica, Gio Pistone, Dem, Basik, NicolaAlessandrini, Paperesistance, Stefano Ricci, Andrea Gisteni, Burla, Tomoz,James Kalinda, Filippo MozoneSquadroStamperia, Niba, Moneyless, Andy Macfarlane), ospitati durante l’estate per realizzare grandi dipinti sulle roulotte, le officine e le installazioni del parco. Suggestivi interventi pittorici, su supporti non convenzionali, per creare “una distorsione nella percezione sensoriale dell’individuo, come quando qualcosa ci si rivela nella sua veridicità. Un gioco che fa oscillare, nel passaggio dalla visione retinica a quella mentale, e va giù fino al cuore”.

– Annalisa Filonzi

www.facebook.com/ProMutoid

 

CONDIVIDI
Annalisa Filonzi
Dopo una laurea in Lettere classiche a Bologna, dal 2000 circa mi occupo di arte contemporanea: ho fatto l’assistente a un critico d’arte delle Marche, dove vivo, da cui ho imparato come non si deve curare una mostra e trattare gli artisti, tanti uffici stampa, cura di cataloghi ecc. ma posso anche vantarmi della cura di un’unica ma veramente importante mostra al Museo di Arte Moderna di Mosca nell’ottobre del 2008: VIDEOGLAZ Mario Sasso e l’immagine elettronica: quattro piani di videoinstallazioni che ancora mi sogno di notte! Attualmente per sopravvivere insegno (di ruolo) Lettere alle scuole superiori, ma non ho mai smesso di scrivere e seguire i miei interessi artistici che riguardano soprattutto i nuovi linguaggi dell’arte: video, fotografia, street art, contaminazioni varie. Recentemente ho scritto testi per alcune mostre a Roma (Teatro Palladium, nell’ambito di RomaEuropa Festival; Galleria Mara Coccia; Galleria AOCF58), collaboro con riviste online e cartacee, e propongo progetti con minime speranze di essere realizzati.