Il ritorno di Banksy. L’anonimo streetartista torna a Gaza con una serie di murales e un video dai forti accenti politici

Dopo un periodo relativamente appartato seguito alla “residenza” di un mese a New York, Banksy ricompare sulla scena in grande stile, e con relativo picco di battage mediatico. E per farlo sceglie con efficacia una scena sensibile come quella palestinese, già teatro di molte delle sue “incursioni” grafiche. Stavolta l’operazione assume contorni più spiccati di […]

Dopo un periodo relativamente appartato seguito alla “residenza” di un mese a New York, Banksy ricompare sulla scena in grande stile, e con relativo picco di battage mediatico. E per farlo sceglie con efficacia una scena sensibile come quella palestinese, già teatro di molte delle sue “incursioni” grafiche. Stavolta l’operazione assume contorni più spiccati di impegno politico, sorretto da un video pubblicato sul sito dell’ignoto streetartista di Bristol, che accompagna una serie di nuove opere sui muri di Gaza.

L’engagement sociale appare chiaramente fin dal primo frame del video (che vedete qui sopra): quando si annuncia allo spettatore che quest’anno potrà scoprire una nuova destinazione turistica, scimmiottando le clip da agenzia di viaggi. Poi la narrazione si dirama fra bambini che giocano fra le rovine, e immagini dei nuovi murales di Banksy, con un Pensatore che cita Rodin circondato dalle macerie, e bambini che esultano per una giostra, che però gira attorno a una torre di guardia. Chiusura con uomo che chiede all’artista il significato di mettere immagini apparentemente frivole in quello scenario di morte, e lui che regala una riflessione sul conflitto fra potenti e deboli…

http://banksy.co.uk/

 

 

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.
  • Bravo così si fa.

  • Avevo lasciato un eccellente ed emblematico commento che mi è stato censurato siete la rovina dell’Italia mi fate S……..