Lo strillone: il sì di Scoppola alla demolizione di Via dei Fori Imperiali su La Repubblica. E poi bandi per i musei italiani, banche e arte, mali culturali italiani

Sulla querelle legata al progetto di smantellamento di via dei Fori Imperiali, a Roma, interviene sull’edizione romana de La Repubblica il professor Francesco Scoppola, neodirettore generale delle Belle Arti e del Paesaggio: “le cinque grandi piazze di Roma antica vanno riproposte nella loro interezza”. Il problema del dislivello tra il piano antico e quello di […]

Quotidiani
Quotidiani

Sulla querelle legata al progetto di smantellamento di via dei Fori Imperiali, a Roma, interviene sull’edizione romana de La Repubblica il professor Francesco Scoppola, neodirettore generale delle Belle Arti e del Paesaggio: “le cinque grandi piazze di Roma antica vanno riproposte nella loro interezza”. Il problema del dislivello tra il piano antico e quello di piazza Venezia-largo Corrado Ricci, sostiene, si risolverebbe con una passerella.

Il Messaggero riprende la notizia della conferenza che – giovedì 8 gennaio – presenterà i bandi per i nuovi direttori dei venti siti e musei nazionali che nel concept della riforma Franceschini avranno maggiore autonomia gestionale e decisionale. Il Giornale vede nel sostegno della Compagnia di San Paolo – via Fondazione CRT – alla mostra torinese Shit and Die una svolta “stilistica” delle banche italiane nei confronti dell’arte contemporanea.

Ampia inchiesta de Il Fatto Quotidiano sulle precarie condizioni in cui versano molti musei nazionali. Dalla Reggia di Caserta al castello Aragonese di Baia, fino al Museo degli Strumenti Musicali di Roma: fra biglietterie chiuse, orari da ufficio anagrafe, logistica inesistente, ritardi e sprechi generalizzati. Con un’intervista a Philippe Daverio ad inquadrare le problematiche.

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Nel 2007 ha curato la costituzione, l’allestimento ed il catalogo del Museo Nino Cordio a Santa Ninfa (Tp). Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. Ha collaborato con diverse riviste specializzate, e nel 2008 ha co-fondato il periodico Grandimostre, del quale è stato coordinatore editoriale. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.