La Lega Nord usa una foto di Sebastião Salgado per manifesti razzisti? L’agenzia Contrasto annuncia azioni legali, ma il partito nega: “sono falsi”

L’infrazione del copyright è talmente clamorosa, e il messaggio talmente grossolano, che viene davvero da domandarsi se davvero non sia fake. Ma al momento, in attesa di chiarimenti, il fatto è questo: l’agenzia Contrasto annuncia di aver intrapreso “immediate azioni legali” contro la Lega Nord, in difesa degli interessi e dell’immagine del grande fotografo Sebastião […]

Uno dei manifesti incriminati, denunciati da Contrasto

L’infrazione del copyright è talmente clamorosa, e il messaggio talmente grossolano, che viene davvero da domandarsi se davvero non sia fake. Ma al momento, in attesa di chiarimenti, il fatto è questo: l’agenzia Contrasto annuncia di aver intrapreso “immediate azioni legali” contro la Lega Nord, in difesa degli interessi e dell’immagine del grande fotografo Sebastião Salgado, di cui è rappresentante in Italia. Motivo? Una serie di manifesti dai toni razzisti – ne vedete uno nella foto – comparsi a Torino, che riproducono senza autorizzazione uno scatto del fotografo. “Il lavoro di Salgado, il più importante fotografo documentarista vivente”, scrive Contrasto, “è sempre stato ispirato a valori del tutto opposti al messaggio razzista contenuto in questi manifesti”. Ma la Lega Nord, per bocca del segretario piemontese Roberto Cota, nega la paternità dei manifesti, annunciando a sua volta una denuncia contro ignoti che avrebbero coinvolto il partito a sua insaputa.

www.contrasto.it

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Fa parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.