La Lega Nord usa una foto di Sebastião Salgado per manifesti razzisti? L’agenzia Contrasto annuncia azioni legali, ma il partito nega: “sono falsi”

L’infrazione del copyright è talmente clamorosa, e il messaggio talmente grossolano, che viene davvero da domandarsi se davvero non sia fake. Ma al momento, in attesa di chiarimenti, il fatto è questo: l’agenzia Contrasto annuncia di aver intrapreso “immediate azioni legali” contro la Lega Nord, in difesa degli interessi e dell’immagine del grande fotografo Sebastião […]

Uno dei manifesti incriminati, denunciati da Contrasto

L’infrazione del copyright è talmente clamorosa, e il messaggio talmente grossolano, che viene davvero da domandarsi se davvero non sia fake. Ma al momento, in attesa di chiarimenti, il fatto è questo: l’agenzia Contrasto annuncia di aver intrapreso “immediate azioni legali” contro la Lega Nord, in difesa degli interessi e dell’immagine del grande fotografo Sebastião Salgado, di cui è rappresentante in Italia. Motivo? Una serie di manifesti dai toni razzisti – ne vedete uno nella foto – comparsi a Torino, che riproducono senza autorizzazione uno scatto del fotografo. “Il lavoro di Salgado, il più importante fotografo documentarista vivente”, scrive Contrasto, “è sempre stato ispirato a valori del tutto opposti al messaggio razzista contenuto in questi manifesti”. Ma la Lega Nord, per bocca del segretario piemontese Roberto Cota, nega la paternità dei manifesti, annunciando a sua volta una denuncia contro ignoti che avrebbero coinvolto il partito a sua insaputa.

www.contrasto.it

CONDIVIDI
Massimo Mattioli
É nato a Todi (Pg). Laureato in Storia dell'Arte Contemporanea all’Università di Perugia, fra il 1993 e il 1994 ha lavorato a Torino come redattore de “Il Giornale dell'Arte”. Nel 2005 ha pubblicato per Silvia Editrice il libro “Rigando dritto. Piero Dorazio scritti 1945-2004”. Ha curato mostre in spazi pubblici e privati, fra cui due edizioni della rassegna internazionale di videoarte Agorazein. È stato membro del comitato curatoriale per il Padiglione Italia della Biennale di Venezia 2011, e consulente per il progetto del Padiglione Italia dedicato agli Istituti Italiani di Cultura nel mondo. Nel 2014 ha curato, assieme a Fabio De Chirico, la mostra Artsiders, presso la Galleria Nazionale dell'Umbria di Perugia. Dal 2011 al 2017 ha fatto parte dello staff di direzione editoriale di Artribune, come caporedattore delle news.